iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ergot – Empty Waters Down The Mist

Allo stato attuale il giudizio non può andare oltre una meritata sufficienza, mentre per avere un’idea più precisa di quale possa essere il reale potenziale di Ergot non ci resta che attendere le sue prossime mosse.

Ergot – Empty Waters Down The Mist

Ergot è il progetto solista dell’omonimo giovane musicista triestino che, con questo Ep, fornisce un possibile assaggio di quanto dovrebbe essere contenuto nel full-length programmato per l’anno prossimo.

I territori battuti nell’occasione sono quelli di un black ambient che guarda inevitabilmente a Burzum come fonte d’ispirazione primaria (la testimonianza di tale devozione è la cover di Lost Wisdom) più nei momenti atmosferici che non nei brani dalla struttura più tradizionale.
In effetti il lavoro, al netto della suddetta cover, consta di quattro brani, due dei quali sono episodi strumentali che non disdegnano l’utilizzo di melodie piuttosto fruibili, mentre i restanti sono esempi di black metal abbastanza canonico, in particolare nel primo caso (la breve In Love We Trust); parzialmente diverso è il discorso che va fatto per quanto riguarda Opening The Gate Of Reality, dove Ergot tenta di fondere con buoni risultati le due anime musicali che vanno a confluire nel suo stile, mostrando sicuramente che le idee non mancano ma vanno solo focalizzate nel migliore dei modi.
Per quanto mi riguarda, è auspicabile che il giovane polistrumentista giuliano prosegua proprio sulla strada tracciata da questo brano, nel quale si palesano diversi spunti interessanti sotto forma di soluzioni melodiche, capaci di farsi spazio tra blast beat e screaming vocals acide quanto rivedibili,
Peraltro, da quanto è dato sapere, questo Ep potrebbe non essere del tutto rappresentativo riguardo il contenuto musicale del prossimo disco, pertanto Empty Waters Down The Mist costituisce soprattutto un’utile presa di contato con una realtà musicale che vuole e deve crescere ulteriormente.
Allo stato attuale il giudizio non può andare oltre una meritata sufficienza, mentre per avere un’idea più precisa di quale possa essere il reale potenziale di Ergot non ci resta che attendere le sue prossime mosse.

Tracklist:
1. Wrecked Away
2. In Love We Trust
3. Veils
4. Opening the Gate of Reality
5. Lost Wisdom

Line-up :
Ergot – All instruments , Vocals

ERGOT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.