Enio Nicolini – Heavy Sharing

Enio Nicolini – Heavy Sharing

In pratica questo disco è la partita delle stelle di un certo heavy metal, quelo più legato alle tavole sacre del passato.

Enio Nicolini fa musica dagli anni settanta, e in tutti questi anni ha fatto davvero molte cose, dal fondare con Mario Di Donato i The Black, forse la sua creatura più famosa, o gli Akron. Il bassista di origini pescaresi ha segnato buona parte dell’heavy metal italiano degli ultimi tempi e con questo disco chiude il cerchio. Heavy Sharing è un progetto di condivisione pesante come dice il titolo poichè ogni pezzo è condiviso con un ospite del panorama musicale heavy metal. Nicolini, grazie al suo carisma e alla sua fama, riesce a radunare un parterre de roi di tutto rispetto. I baldi signori che possiamo ascoltare in questo disco sono Trevor dei Sadist, Blaze Bailey, Bud Ancillotti dei Strana Officina (il gruppo più sottovalutato in Italia ), e tanti altri come Morby dei Domine. Il suono è il classico heavy metal fatto da signori che hanno solo  da insegnare ai ragazzini che volessere prendere in consegna la fiamma dell’heavy. Ottima produzione e gran disco che fa luce sull’heavy metal underground, che è di gran lunga il migliore poichè è fatto con vera passione, sacrificio e competenza.

TRACKLIST
01. Track of Madness (feat. Trevor Sadist)
02. Unforgiveness (feat. Giacomo Gigantelli)
03. Witch Hunt (feat. Luciano Palermi)
04. Generation Dead (feat. John Goldfinch Cardellino)
05. King on Icy Throne (feat. Blaze Bayley)
06. See the Stars (feat. Tiziana Radis)
07. Amir of Madness (feat. Mahdi Khema)
08. Sinner’s World (feat. Daniele Ancillotti)
09. Escape (feat. Morby)
10. Ai confini del mondo (feat. Benedetto Spinazzola)

ENIO NICOLINI – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.