Emrevoid – Riverso

Emrevoid – Riverso

Per qualcuno il nome Emrevoid potrebbe risultare un’assoluta novità, ma la band cesenate ha già all’attivo un album omonimo rilasciato nel 2011 e si è dedicata ad un’intensa attività live che l’ha portata a dividere il palco, tra gli altri, con gli storici Napalm Death ed i nostrani Crawling Chaos.

In effetti la storia dei nostri inizia nel 2004 quando, dalle ceneri dei blacksters Thy Cold, il chitarrista Alessandro Rossi ed il batterista Fabio Savini decidono di proseguire la loro partnership fondando gli Emrevoid, realtà più vicina a sonorità death metal, completando la line-up con l’entrata nel gruppo di Riccardo Zappi al basso e Gaetano Rizzo alle vocals.
Questo nuovo Ep consta di sei brani per una ventina di minuti circa di death originalissimo, rigorosamente cantato in lingua madre, con la componente black che non viene meno, e supportato anche da ottime digressioni, ora dark metal, ora vicine ad atmosfere apocalittiche che possono ricordare band come i Neurosis.
Bravissimo il vocalist, in possesso di un growl potente e belluino, e di sicuro impatto la sezione ritmica che, precisa e devastante nelle parti veloci, diventa un muro nelle parti rallentate, supportate dall’inferno di riff che puntualmente escono dalla sei corde di Alessandro Rossi.
I brani sono tutti di ottima levatura, con Il Tuo Disegno, Riverso e la conclusiva Hic Et Nunc che arrivano all’eccellenza, confermando la grande originalità ed il valore degli Emrevoid.
Un prodotto su lunga distanza interamente attestato su questo livello sarebbe la definitiva consacrazione per una band che riesce nella non facile impresa di risultare unica nella propria idea di metal estremo; consigliato l’ascolto non solo ai fan del death, ma in generale a tutti gli amanti dei suoni estremi.

Tracklist:
1. Patibolo
2. Il tuo disegno
3. Mostro
4. Obbedienzassenza
5. Riverso
6. Hic et nunc

Line-up:
Fabio Savini – Drums
Alessandro Rossi – Guitars
Riccardo Zappi – Bass
Gaetano Rizzo – Vocals

EMREVOID – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati