Embraced By Fall – Hopeless Paths

Un disco dall’impatto notevole, in consierazione del fatto che si tratta dell’esordio per la band lusitana.

Embraced By Fall - Hopeless Paths 1 - fanzine

Il duo portoghese Embraced By Fall fa il suo esordio con questo Ep di poco meno di mezz’ora nel quale mette in mostra un doom decisamente interessante sebbene del tutto privo di particolari sbocchi melodici.

In effetti, i musicisti lusitani hanno un approccio piuttosto crudo nei confronti della materia e il loro male di vivere si esprime sostanzialmente con un sound per certi versi piuttosto ripetitivo, ma sicuramente di grande intensità ed ugualmente efficace, quando il tutto poi viene integrato da un growl profondo che ben si adatta alle tematiche trattate come di consueto in questi casi.
Nel corso di questo cammino fatto di sofferenza verso una meta che, di fatto, tale non è, i cinque brani sono mediamente impostati su un tempo lento, a parte Demons , leggermente più ritmata, e Asylum , nella quale l’elemento di discontinuità è costituito da alcune accelerazioni che fanno sembrare il tutto una sorta di black metal rallentato.
L’impatto complessivo si rivela comunque notevole e, trattandosi di un passo d’esordio, sicuramente molto promettente; in attesa di rivederli alla prova del primo full-length, gli Embraced By Fall si segnalano come una realtà da tenere sotto stretta osservazione.

Tracklist:
1. In Love with Solitude
2. A Slippery Comfort
3. Demons
4. Asylum
5. Die Among Strangers

Line-up :
S.C. All instruments, Programing
G.B. Vocals, Lyrics

EMBRACED BY FALL – Facebook

Avatar

Autore: Stefano Cavanna

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.