iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Emblazoned – Eucharistiae Sacramentum

Eucharistiae Sacramentum è un autentico inferno in musica, da ascoltare senza riserve.

Emblazoned – Eucharistiae Sacramentum

Il primo album di questa band del Wisconsin è una furia distruttrice che non lascia prigionieri, un blasfemo e furibondo esempio di metal estremo, una bomba sonora che vi esploderà in testa lasciandovi in balia della sua inumana violenza.

Loro si chiamano Emblazoned , con alle spalle una quindicina d’anni di attività per appena un demo e due Ep pubblicati, prima di arrivare all’agognato full-length dalla copertina spettacolare e dal sound maestosamente devastante, un mix di death al limite del brutal e di feroce black prodotto alla grande e suonato da quattro inumani musicisti.
Eucharistiae Sacramentum ingloba il meglio dell’estremismo sonoro americano ed europeo, lo fagocita e lo risputa creando una creatura abominevole, pura violenza dalle potenzialità distruttive di un’atomica, per trenta minuti trenta di dolore fisico e mentale, che mette in fila più di un album estremo uscito nell’ultimo anno.
Una sezione ritmica tutta potenza e velocità (A.J. Lewåndøwski al basso e Alex Pulvermacher alla batteria) ha il compito di travolgere ogni cosa, Kevin Forsythe regge la struttura dei pezzi con la sei corde, sempre satura, e Jeff Plewa, compiaciuto dall’ormai poca credibilità dei ministri di quel Dio indebolito da un’umanità sempre più in discesa verso gli inferi, declama a suon di urli animaleschi il proprio diritto sulle anime dannate.
Malefic Congregation, Fatherless Predecessor, The Deceiver, Iniquitous, sono sacrifici sull’altare del metal estremo, un buco nero tra l’inferno e la terra che risucchia il genere umano e vomita mostri, trascinandoci nel più buio girone dove comanda il male.
Incantation e Suffocation da una parte, Marduk e Behemoth dall’altra, sono i principali colpevoli dell’influenza malefica su questa band; consigliato a tutti gli amanti del metal estremo, Eucharistiae Sacramentum è un autentico inferno in musica, da ascoltare senza riserve.

Track list:
1. Malefic Congregation
2. Heathenist Structure
3. Fatherless Predecessor
4. The Deceiver
5. Perdition
6. Wolven Shroud
7. Iniquitous
8. Divine Delusion

Line-up:
Kevin Forsythe – Guitars
Alex “Pulverizer” Pulvermacher – Drums
Jeff Plewa – Vocals
A.J. Lewåndøwski – Bass

EMBLAZONED – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta