Einar Stray Orchestra – Politricks

Einar Stray Orchestra – Politricks

A mano a mano che si continua ad ascoltare questo Politricks si riesce ad apprezzare sempre di più ogni sfumatura, ogni singola emozione e sensazione, come se ogni passaggio nello stereo ci permettesse di arrivare a uno stadio successivo, ad una comprensione più completa.

Leggendo la biografia di questo gruppo apprendo con un po’ di rammarico che hanno suonato e stanno suonando praticamente in tutta Europa, tranne che in Italia.

Sono un fenomeno in crescita che si è dedicato molto al live set; infatti il loro secondo album Politricks arriva dopo 3 anni dalla prima uscita “Chiaroscuro”.
Nel frattempo anche il nome è stato cambiato, con l’aggiunta della parola “Orchestra”, dato che Einar Stray suonava molto come un gruppo solista, mentre qui siamo davanti a un collettivo di 5 persone e gli strumenti non mancano proprio.
L’indie pop suonato da questi ragazzi norvegesi è in apparenza leggero, ma l’analisi dei testi rivela un impegno politico, una disillusione verso il mondo reale ben diverso da quello che ci viene presentato dai media e la difficoltà nel viverci e accettare certe situazioni.
Il disco suona molto trasversale, diverse sono le sfumature e le sensazioni, variegato il ritmo.
Honey inizia in modo cupo e malinconico per poi elevarsi tutto ad un tratto, come segno di reazione e tentativo di resistenza, per chiudere con sonorità post rock, a tratti noise.
Al secondo posto troviamo la titletrack, la cui overture con archi e piano la rende decisamente solenne e matura. Il violino di Pockets Full Of Holes trasmette festosità, una brezza piacevole che scompiglia i capelli, mentre Thrasymachus ci riporta a una dimensione più riflessiva.
In cantato a cappella della tragica For The Country spezza a metà il disco, Aleksander è piena di rammarico, Montreal ritorna decisamente più spensierata (al punto di pensare ai FM Belfast), Qualia presenta sfumature folk e Envelope è poetica e trionfale.
A mano a mano che si continua ad ascoltare questo Politricks si riesce ad apprezzare sempre di più ogni sfumatura, ogni singola emozione e sensazione, come se ogni passaggio nello stereo ci permettesse di arrivare a uno stadio successivo, ad una comprensione più completa.
Non fate l’errore quindi di ascoltarlo in modo frettoloso, il disco richiede tempo, ma ne vale la pena.

Tracklist :
1. Honey
2. Politricks
3. Pockets Full Of Holes
4. Thrasymachus
5. For The Country
6. Aleksander
7. Montreal
8. Qualia
9. Envelope
Line-up :
Einar Stray: voce, tastiere
Simes Aasen: basso
Lars Fremmerlid: batteria
Åsa Ree: violino
Ofelia Østrem Ossum: violoncello

EINAR STRAY – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.