iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Eibon – I I

Ascoltare una band come gli Eibon significa possedere quella punta di masochismo, insita nel DNA degli appassionati di doom, sludge e dintorni, capace di trasformare la sofferenza in piacere.

Eibon – I I

Ascoltare una band come gli Eibon significa possedere quella punta di masochismo, insita nel DNA degli appassionati di doom, sludge e dintorni, capace di trasformare la sofferenza in piacere.

II è l’ennesimo viaggio tormentato verso una fine che non prevede atti di pietà né conforti religiosi: per testare la soglia di dolore dei propri ascoltatori i parigini, se da una parte accorciano relativamente la durata complessiva, dall’altra convogliano la loro estrema e ferale miscela in due soli brani di circa venti minuti ciascuno.
La voce di Georges, che ben rappresenta il mix di rabbia e disperazione di chi non vedrà mai la luce in fondo al tunnel, lascia opportunamente ampi spazi a passaggi di corrosiva ferocia alternati a rallentamenti che rendono l’atmosfera rarefatta e venefica come quella di un pianeta privo di ossigeno. L’ottimo lavoro alla batteria da parte di Jérôme contribuisce a fornire al sound degli Eibon un sufficiente dinamismo, evidenziato maggiormente nella seconda traccia Elements Of Doom, decisamente più movimentata se non si contemplano i sette minuti finale di puro ambient, rispetto a The Void Settlers che, al contrario, si srotola nella parte iniziale con ammorbante lentezza per lanciarsi poi in una seconda parte molto più ritmata e contrassegnata da un tetro mood psichedelico.
Ma, in fondo, questa seconda fatica su lunga distanza degli Eibon va solo ascoltata, le parole possono servire solo a fornire un’idea alquanto vaga del suo contenuto: date una possibilità a questa ottima band transalpina.

Tracklist :
1. The Void Settlers
2. Elements of Doom

Line-up :
Stéphane Rivière – Bass
Jérôme Lachaud – Drums
Max Hedin – Guitars
Georges Balafas – Vocals
Guillaume Taliercio – Guitars

EIBON – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.