Eibon – I I

Eibon - I I 1 - fanzine

Eibon – I I

Condividi:
Share

Ascoltare una band come gli Eibon significa possedere quella punta di masochismo, insita nel DNA degli appassionati di doom, sludge e dintorni, capace di trasformare la sofferenza in piacere.

II è l’ennesimo viaggio tormentato verso una fine che non prevede atti di pietà né conforti religiosi: per testare la soglia di dolore dei propri ascoltatori i parigini, se da una parte accorciano relativamente la durata complessiva, dall’altra convogliano la loro estrema e ferale miscela in due soli brani di circa venti minuti ciascuno.
La voce di Georges, che ben rappresenta il mix di rabbia e disperazione di chi non vedrà mai la luce in fondo al tunnel, lascia opportunamente ampi spazi a passaggi di corrosiva ferocia alternati a rallentamenti che rendono l’atmosfera rarefatta e venefica come quella di un pianeta privo di ossigeno. L’ottimo lavoro alla batteria da parte di Jérôme contribuisce a fornire al sound degli Eibon un sufficiente dinamismo, evidenziato maggiormente nella seconda traccia Elements Of Doom, decisamente più movimentata se non si contemplano i sette minuti finale di puro ambient, rispetto a The Void Settlers che, al contrario, si srotola nella parte iniziale con ammorbante lentezza per lanciarsi poi in una seconda parte molto più ritmata e contrassegnata da un tetro mood psichedelico.
Ma, in fondo, questa seconda fatica su lunga distanza degli Eibon va solo ascoltata, le parole possono servire solo a fornire un’idea alquanto vaga del suo contenuto: date una possibilità a questa ottima band transalpina.

Tracklist :
1. The Void Settlers
2. Elements of Doom

Line-up :
Stéphane Rivière – Bass
Jérôme Lachaud – Drums
Max Hedin – Guitars
Georges Balafas – Vocals
Guillaume Taliercio – Guitars

EIBON – Facebook

Condividi:
Share
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.