Eibon – I I

Ascoltare una band come gli Eibon significa possedere quella punta di masochismo, insita nel DNA degli appassionati di doom, sludge e dintorni, capace di trasformare la sofferenza in piacere.

Eibon – I I

Ascoltare una band come gli Eibon significa possedere quella punta di masochismo, insita nel DNA degli appassionati di doom, sludge e dintorni, capace di trasformare la sofferenza in piacere.

II è l’ennesimo viaggio tormentato verso una fine che non prevede atti di pietà né conforti religiosi: per testare la soglia di dolore dei propri ascoltatori i parigini, se da una parte accorciano relativamente la durata complessiva, dall’altra convogliano la loro estrema e ferale miscela in due soli brani di circa venti minuti ciascuno.
La voce di Georges, che ben rappresenta il mix di rabbia e disperazione di chi non vedrà mai la luce in fondo al tunnel, lascia opportunamente ampi spazi a passaggi di corrosiva ferocia alternati a rallentamenti che rendono l’atmosfera rarefatta e venefica come quella di un pianeta privo di ossigeno. L’ottimo lavoro alla batteria da parte di Jérôme contribuisce a fornire al sound degli Eibon un sufficiente dinamismo, evidenziato maggiormente nella seconda traccia Elements Of Doom, decisamente più movimentata se non si contemplano i sette minuti finale di puro ambient, rispetto a The Void Settlers che, al contrario, si srotola nella parte iniziale con ammorbante lentezza per lanciarsi poi in una seconda parte molto più ritmata e contrassegnata da un tetro mood psichedelico.
Ma, in fondo, questa seconda fatica su lunga distanza degli Eibon va solo ascoltata, le parole possono servire solo a fornire un’idea alquanto vaga del suo contenuto: date una possibilità a questa ottima band transalpina.

Tracklist :
1. The Void Settlers
2. Elements of Doom

Line-up :
StĂ©phane Rivière – Bass
JĂ©rĂ´me Lachaud – Drums
Max Hedin – Guitars
Georges Balafas – Vocals
Guillaume Taliercio – Guitars

EIBON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacitĂ  compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese PigmĂ© Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: