iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ecocide – Eye Of Wicked Sight

Basta ascoltare uno o due brani presi a caso da questo lavoro per rendersi conto che ci si trova davanti ad una delle migliori espressioni di metal estremo ascoltate negli ultimi tempi.

Ecocide – Eye Of Wicked Sight

Ecco un altro disco d’esordio di una band death metal in grado di farci ritenere che, di reunion ad effetto dalle motivazioni artistiche tutte da verificare, se ne possa fare tranquillamente a meno.

Gli olandesi Ecocide, dopo un solo demo risalente all’anno scorso, riversano in questo full-lenght la lezione ricevuta dai grandi del passato facendolo nella maniera migliore, ovvero con un sound fresco, personale ma, allo stesso tempo, rispettoso della tradizione.
In poco più di mezz’ora i tre giovani musicisti di Haarlem spazzano via gran parte della concorrenza attuale in virtù di un songwriting terremotante ma, nonostante ciò, sempre sotto controllo, sia a velocità più sostenute sia quando le sonorità rallentano fino a farsi morbosamente avvolgenti.
In aggiunta a tutto ciò i nostri, invece di propinarci le consuete storie a basi di cadaveri in putrefazione, smembramenti, autopsie e altre prelibatezze assortite, preferiscono fornire ai loro testi un’ambientazione fantascientifica, con una naturale predilezione per il suo versante più orrorifico rinvenibile nei ricorrenti riferimenti lovecraftiani.
In poco più di mezz’ora di musica, gli Ecocide non mostrano mai incertezze o momenti di cedimento: dovendo ricercare qualche brano in particolare per una menzione d’onore citerei la carcassiana title-track e la spettacolare Terror From Beyond che, sin dal titolo, si propone come un competente omaggio ad una delle maggiori fonti di ispirazione dei nostri, quei Massacre che incisero, appunto, “From Beyond”, quando Ste, Rick e Bas, probabilmente, erano ancora annoverati tra i piccoli ospiti degli organizzati asili infantili dei Paesi Bassi.
In questi ultimi due anni è stata proposta, spesso anche da parte di label di un certo nome, una caterva di album death metal dal valore di gran lunga inferiore a questo Eye Of Wicked Sight che, ci tengo in modo particolare a rimarcare, è un album autoprodotto. Il fatto che questi ragazzi meritino l’attenzione anche degli addetti ai lavori è un dato oggettivo, perché credo basti ascoltare uno o due brani presi a caso da questo lavoro per rendersi conto che ci si trova davanti ad una delle migliori espressioni di metal estremo ascoltate negli ultimi tempi.

A questo indirizzo http://ecocide-osdm.bandcamp.com/ si può acquistare il cd a soli € 7.50; in tempi bastardi come quelli attuali, almeno questo non è certo un investimento rischioso …

Tracklist:
1. Multiverse
2. Planet Eater
3. Alien Intervention
4. Eye of Wicked Sight
5. Unkown Disease
6. Terror From Beyond
7. Crawling From the Crypt
8. Beneath the Flesh

Line-up :
Bas – Drums, Backing vocals
Rick – Bass
Sten – Guitar, Vocals

ECOCIDE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.