Dying Out Flame – Shiva Rudastrakam

Ottimo brutal death con influssi etnici per i nepalesi Dying Out Flame.

Dying Out Flame – Shiva Rudastrakam

L’etichetta madrilena Xtreem Music, con il suo  fiuto per band dalle notevoli potenzialitĂ  sparse in giro per il mondo, ci aiuta a scoprire e consigliarvi band e album che nei normali circuiti difficilmente troverete, e per noi è un vero piacere e una grande soddisfazione poter contribuire a quest’opera di divulgazione volta ad annullare confini che, almeno nella musica e in questo caso nel metal, non ci sono e non dovranno mai esistere.

I Dying Out Flame arrivano dal tetto del mondo (Nepal) e tramite la label spagnola licenziano questo bellissimo Shiva Rudastrakan, brutal death metal dall’elevato tasso tecnico e influenzato dalla musica popolare del loro paese, fortemente presente nel loro songwriting come dimostra la traccia iniziale.
Naturalmente è forte l’atmosfera mistica che aleggia nei brani, il che rende questo debutto affascinante come pochi, racchiudendo nei trentacinque minuti di durata un fantastico connubio tra musica filosofica orientale e death metal suonato alla velocitĂ  della luce, devastante e clamoroso a livello tecnico, come solo il brutal sa essere quando a suonarlo sono band di tale levatura.
Come detto, nel songwriting del gruppo è forte l’influenza della tradizione musicale nepalese, ma la cosa non inficia certo la riuscita di un album che riesce a tenere desta l’attenzione dell’ascoltatore esaltandolo con sfuriate metalliche clamorose, oppure con passaggi atmosferici nei quali la brutalitĂ  è rimpiazzata da spettacolari divagazioni etniche capaci di rendere l’ascolto di Shiva Rudastrakam un’esperienza unica.
La title-track ne è un esempio lampante, gli strumenti popolari si alternano alla potenza devastante del death in assoluta armonia, regalando alla nostra musica preferita una song d’antologia, bissata dalle magnifiche Eternal Mother of Great Time e Vayuputra.
Un bellissimo oltre che affascinante lavoro, da cercare ed ascoltare assolutamente, non ve ne pentirete.

Tracklist:
1. Praise of the Omnipresent One
2. Shiva Rudrastakam
3. Eternal Mother of Great Time
4. Vayuputra
5. Maisasura Maridini
6. Trinetra Dhari (Three Eyed One)

Line-up:
Aabeg Guatam – Vocals, Bass, Songwriting
Prachanda Amatya – Drums
Saujanya Pahadi – Guitars
Bikalpa Chaudhary – Guitars

DYING OUT FLAME – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.