iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Drastisch – Let Your Life Pass By

Terzo album per il progetto Drastisch, dopo “Pleasureligion” uscito sotto il nome Drastique nel 2003 e “Thieves Of Kisses” pubblicato con il nom de plume Drastic nel 1998.

Drastisch – Let Your Life Pass By

Vi è quindi un’evoluzione continua in questo interessante progetto musicale. L’album è interamente strumentale, ed è stato concepito come un’opera, dove la chitarra la fa da padrona. Le trame musicali intessute da Drastisch sono molto varie, e spaziano in diversi generi e sotto generi.
I metallari dalla mente aperta qui troveranno sconfinate praterie dove poter correre, ma chiunque può trarre godimento da questo disco.
Let Your Life Pass By è un lungo viaggio tra sofferenza, malinconia e una malata speranza, praticamente un concept album. La musica è davvero orchestrata bene e le calza a pennello il termine metal opera. Un altro ottimo passo di una carriera fin qui molto buona. L’unica condizione è ascoltare senza pregiudizi, poiché verrete accompagnati dalle atmosfere care ai Katatonia e ai Tiamat, a pezzi più virati verso il prog metal, sempre con gusto e competenza musicale. Da scoprire. Bellissima la foto del fotografo tedesco Stefan Gesell come copertina.

Tracklist:
1 Self – healing
2 Cantkillhope
3 My nightmares ( are sweater than your dreams )
4 Back to the unknown
5 Future : present : past
6 The unbereable truths
7 My place among the elements
8 Memento
9 When i kiss, i kiss goodbye
10 Voyage dans la solitude

DRASTISCH – Facebook

www.beyondprod.net

www.drastisch.com/

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

septic state

Septic State – Life Of Hate

Septic State: ennesimo progetto riuscitissimo e fedele a nessuna linea della Extreme Chaos Records, perché il chaos è vita, e suono