iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Do Nascimiento – Do Nascimiento

Do Nascimiento - Do Nascimiento: I Do Nascimiento (Sebastiano, Amedeo, Riccardo, Alessandro) non sono altro che la fusione di metà Eat The Rabbit con met...

Do Nascimiento – Do Nascimiento

I Do Nascimiento (Sebastiano, Amedeo, Riccardo, Alessandro) non sono altro che la fusione di metà Eat The Rabbit con metà June Miller. Si presentano al pubblico con questo breve lavoro (6 canzoni per 100 audiocassette numerate) proponendo canzoni genuine e sincere, a metà tra Fine Before You Came e la malinconia emo di metà anni ’90 (quando emo era ancora una parola piena di dignità).

Bicicletta, fresca e solare, apre il lavoro tra note ruvide ed emozioni nascoste tra le grida. Cucchiaino vibra con fragore, ricordando maggiormente i Fine Before You Came mentre Rasoio, più tranquilla (?), lascia maggior spazio alla melodia, prima di lasciarsi travolgere dalla tempesta. Ventilatore schiarisce un poco la voce, alternando calma a tensione, e Materasso, solare e malinconica allo stesso tempo, prosegue fra chitarre acustiche e doppie voci (gridate e pulite). Infine, Megafono, di nuovo con l’elettrica in mano, conclude scalciando come un cavallo imbizzarrito.

Ci sono dei casi (piuttosto rari) in cui bastano anche solo poche canzoni perchè ci si innamori di una band. I Do Nascimiento, con la loro audiocassetta, rientrano in questa categoria. Le loro canzoni, ruvide, aspre, solari e malinconiche, dai testi semplici ma mai banali, conquistano in meno di un secondo. Impossibile non consigliarveli.

Voto: 7

TRACKLIST:
01. Bicicletta
02. Cucchiaino
03. Rasoio
04. Ventilatore
05. Materasso
06. Megafono

- Do Nascimiento - Do Nascimiento

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90