Destroy Everything – Freedom Of Speech Means Talk Is Cheap

Destroy Everything – Freedom Of Speech Means Talk Is Cheap

(TENT CITY RECORDS 2008) : quintetto di Chicago, votato al punk schietto e veloce di matrice D.I.Y. Le intenzioni sono quelle di portare a galla la merda a stelle e strisce. La loro forza stà nella melodia, il cantante Cheddar Nines ha una bella voce, che ben si accompagna ad un incedere ritmico agressivo. Il loro meglio lo esprimono andando leggermente più lenti del solito, come in “Alter or abolish”.

Attualmente nel vortice dei gruppi punkè in atto una forte scrematura. Quando il punk andava di moda, parlo di una decina di anni fà, sono nati una miriade di gruppi, chi aveva classe e qualcosa da dire ha continuato, di altri abbiamo perso le tracce.I Destroy Everything hanno tutti i mezzi per andare avanti, hanno qualcosa da dire, e lo dicono bene, in più possiedono una forte autoironia, necessaria per appesantire un certo tipo di discorso. Bellissimo tra l’altro la loro rivisitazione grafica del simbolo deli Stati Uniti.
www.destroyeverything.com

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.