iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Destroy Everything – Freedom Of Speech Means Talk Is Cheap

Destroy Everything - Freedom Of Speech Means Talk Is Cheap: (TENT CITY RECORDS 2008) : quintetto di Chicago, votato al punk schietto e veloce di matrice D.I.Y. Le intenzioni sono q...

Destroy Everything – Freedom Of Speech Means Talk Is Cheap

(TENT CITY RECORDS 2008) : quintetto di Chicago, votato al punk schietto e veloce di matrice D.I.Y. Le intenzioni sono quelle di portare a galla la merda a stelle e strisce. La loro forza stà nella melodia, il cantante Cheddar Nines ha una bella voce, che ben si accompagna ad un incedere ritmico agressivo. Il loro meglio lo esprimono andando leggermente più lenti del solito, come in “Alter or abolish”.

Attualmente nel vortice dei gruppi punkè in atto una forte scrematura. Quando il punk andava di moda, parlo di una decina di anni fà, sono nati una miriade di gruppi, chi aveva classe e qualcosa da dire ha continuato, di altri abbiamo perso le tracce.I Destroy Everything hanno tutti i mezzi per andare avanti, hanno qualcosa da dire, e lo dicono bene, in più possiedono una forte autoironia, necessaria per appesantire un certo tipo di discorso. Bellissimo tra l’altro la loro rivisitazione grafica del simbolo deli Stati Uniti.
www.destroyeverything.com

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre