iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Dementia 13 – Ways Of Enclosure

Un disco di genere, niente di più e niente di meno, che sicuramente non porterà nuovi fans al death metal old school, ma potrà essere apprezzato da chi di queste sonorità non può fare a meno.

Dementia 13 – Ways Of Enclosure

Con i Dementia 13 si torna a parlare di death metal old school, dal portogallo, in arrivo con il loro bagaglio di efferatezze prese dal mondo dell’horror e dalle menti insane dei serial killer.

Il gruppo, attivo dal 2010 è alla prima prova sulla lunga distanza, licenziato tramite l’etichetta spagnola Memento Mori e successore dell’ep Tales for the Carnivorous del 2013.
Il trio formato da membri di varie realtà del panorama undergound estremo della loro terra come Pitch Black, Holocausto Canibal, Biolence, Grunt, The Ominous Circle, è protagonista di un feroce dischetto estremo, oscuro e radicato nella vecchia scuola del nostro caro death metal.
Niente di nuovo quindi, solo un buon modo per tenere le orecchie allenate dall’assalto sonoro del trio, che fa sprizzare sangue a iosa dai solchi dei brani, sacrificati sull’altare dell’horror/gore.
Troverete dunque tutte le virtù di cui il genere si può vantare, aggressione, velocità, brusche discese al rallentatore nelle nefandezze raccontate da un growl brutale e terrificante, in un’orgia di torture e delitti di ogni tipo.
Ze Pedro (basso), Marco Silva e Álvaro Fernandes (chitarre) sono musicisti di esperienza e si sente, anche se manca ancora qualcosa nel songwriting per elevare il disco a più di un discreto commento, ma il sound opprimente e la soffocante atmosfera piacerà agli amanti del metal estremo.
Non c’è nell’album una song che si eleva in qualità delle altre tracce, tutto fila lineare come un treno sui binari, ma la cover del tema portante del film Halloween, posta a metà disco risulta un buon stacco horrorifico strumentale al massacro creato dalla band di Porto.
Un disco di genere, niente di più e niente di meno, che sicuramente non porterà nuovi fans al death metal old school, ma potrà essere apprezzato da chi di queste sonorità non può fare a meno.

TRACKLIST
1. Beyond the Grave
2. Orgy of Bloodshed
3. Room 36
4. They Never Found His Body
5. Only Whores Die Young
6. Halloween
7. Conceived in Violence
8. Nothing in the Dark
9. Dawn of Chaos

LINE-UP
Zé Pedro – Bass
Marco Silva – Guitars (lead)
Álvaro Fernandes – Guitars (rhythm)

DEMENTIA 13 – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta