Death Vomit – Gutted By Horrors

I Death Vomit cavalcano il death metal old school con il loro malatissimo esordio, richiamando anche nel loro sound le band che il metal estremo lo hanno inventato.

Death Vomit – Gutted By Horrors

Malvagio esordio licenziato dalla Xtreem Music questo Gutted By Horrors dei cileni Death Vomit, combo dedito ad un death old school, malato, feroce e blasfemo come da copione.

Il lavoro si dimostra intriso di atmosfera occulte e infernali, un buon massacro estremo che piacerĂ  anche agli amanti del black, per l’approccio oscuro e luciferino che lo mantiene sotto un’aura dannata.
Grotesque e tutto l’underground scandinavo di due decenni fa costituiscono la maggiore fonte di ispirazione per i cileni, con il growl del chitarrista Azazzel che esce dalle casse come proveniente da buie caverne dove solo il signore del male può aggirarsi indisturbato.
Il sound è sporcato da feroci scatti thrash che rafforzano il sentore di scorribande nelle tenebre dei gironi infernali, mantenendo alta la sensazione di una death band con forti connotazioni black: infatti nei solchi di questo inferno in musica si trovano ancora note possedute dai demoni Venom e Slayer, quelli furiosi e primitivi degli esordi.
La produzione è come da copione, perciò con suoni ovattati in puro stile fine anni ottanta, cosa che, se non si e’ fan del genere, in effetti può disturbare chi è abituato ormai ai suoni limpidi delle produzioni odierne anche in campo estremo.
La band, dalla, sua riesce a uscire dal marasma malefico della sua stessa musica con una prova che lascia intravedere buona tecnica e grinta da vendere, così che, oltre ad Azazzel, anche Evil Escorzized alle pelli, Sebastian Salce alla chitarra e Tom Hill al basso riescono ad essere protagonisti di una prova più che sufficente.
Rimane solo da segnalare un songwriting che alla lunga risulta un po’ piatto, difetto che attenua solo in parte la carica malefica e distruttiva dei Death Vomit, protagonisti di un lavoro che comunque, almeno per ora, si rivela interessante soprattutto per i fan piĂą incalliti del genere.

Tracklist:
1. Intro – Float on Shadows
2. Indestructible Abominations
3. Thorns Damnations
4. Holocaust
5. Swallowed by Transphormutation
6. Devoured by Carcass
7. Deeds of Pestilence
8. Ashes of Necromancy
9. Painful Prayer
10. Demoniac Hunger
11. Corpse Immolation
12. Resurrection Grotesque

Line-up:
Tom Hill – Bass
Sebastian Salce – Guitars
Evil Ezcorzized – Drums
Azazzel – Vocals, Guitars

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.