iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Death Of All Gods – Different Ways Of Feeling Pain

I Death All Gods fanno il loro esordio su lunga distanza all’insegna di un efficace death melodico (ma non troppo) dal sapore prettamente scandinavo.

Death Of All Gods – Different Ways Of Feeling Pain

I Death All Gods fanno il loro esordio su lunga distanza all’insegna di un efficace death melodico (ma non troppo) dal sapore prettamente scandinavo.

Se, quindi, non sarà certo l’originalità la dote della quale andare alla ricerca in Different Ways Of Feeling Pain (una colpa, ammesso che lo sia, che i nostri condividono con qualche altro migliaio di band, incluse quelle più famose), l’aspetto che maggiormente interessa, ovvero la capacità di scrivere brani coinvolgenti, diretti e carichi del necessario groove, è ben radicato al’interno del lavoro, così che l’ascolto si snoda in maniera piacevole e senza che si lesini sull’impatto sonoro.
When Heaven Meets The Earth si presenta come il manifesto sonoro dei Death Of All Gods, ancor più forse del brano autointitolato che segue a ruota: belle melodie, sonorità pulite ed esecuzione priva di pecche in tutti i suoi aspetti.
La band tosco-umbra esprime le cose migliori in questi frangenti che, pur non trattandosi di primizie in senso assoluto, sicuramente lasciano il segno come accade mirabilmente anche in Dreaming Chaos e nella conclusiva Unavoidable Sin, piuttosto che quando decide di spingere sul versante più brutale (The Carcass Of Freedom) risultando decisamente meno efficace.
Different Ways Of Feeling Pain è in ogni caso un debutto oltremodo positivo e in grado di evidenziare le doti dei Death Of All Gods, per i quali non è un azzardo prevedere nel prossimo futuro un’ulteriore crescita capace di portarli al livello, non così distante, delle migliori band del settore.

Tracklist:
1. When Heaven Meets the Earth
2. Death of All Gods
3. Solitude
4. Dying Green
5. Summonning My Demons
6. Dreamong Chaos
7. The Italian Job
8. The Carcass of Freedom
9. Unavoidable Sin

Line-up :
Marco Nicastro – Bass
Eric Arreghini – Drums
Simone Santucci – Lead Guitars
Timur Matteucci Utiaganov – Lead Guitars
Luigi Valenti – Vocals

DEATH OF ALL GODS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.