iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Death Comes Pale – World Grave

Ristampa da parte della Deepsend del devastante "World Grave" dei danesi Death Comes Pale.

Death Comes Pale – World Grave

Ristampa da parte della Deepsend records di questo piccolo gioiello death metal proveniente dalla Danimarca, in origine uscito due anni fa.

Si tratta dell’esordio sulla lunga distanza dei Death Comes Pale intitolato World Grave, un monumento al più battagliero death old school e un classico per gli amanti del genere.
La band aveva già dato alle stampe un Ep, “Through Carrion Eyes”, che aveva strappato recensioni positive da buona parte della stampa europea, ma il full-length è tutt’altra cosa, specialmente nella nuova versione.
Il metal estremo ottimamente proposto dalla band danese si rivela epico, guerresco, aggressivo ma oltremodo melodico negli ottimi solos disseminati lungo l’intero lavoro.
A fare da tappeto sonoro, arrivano puntuali mitragliate ritmiche spaventose; a tratti le frenate trasformano i brani in monoliti d’acciaio fuso, ma sono attimi: il gruppo tiene i ritmi molto alti ed il tutto risulta di una potenza di fuoco non comune.
Bo Guldal e Lars Hjørnholm, macinano riff e solos a velocità supersoniche, poggiate su di un tappeto ritmico da terza guerra mondiale, grazie al lavoro di Martin Kilic alle pelli e Anders Stegmann al basso.
Kasper Hornstrup guida il plotone con il suo growl che racconta di scontri biblici e tematiche sociopolitiche, mettendo a nudo tutto il male di un mondo alla deriva.
La title-track, Modern Enslavement e Silent Genocide sono gli episodi migliori di questo ottimo album, sulla scia di band quali Bolt Thrower, la più vicina al death partorito dai nostri, i quali non si risparmiano, regalandoci quasi un’ora di death metal con tutti gli attributi al posto giusto.

Tracklist:
1.Fury Of Vengeance
2.Spawn Of The Scored
3.With A Foot In The Grave
4.From The Lips Of The Dead
5.The Purification Process
6.World Grave
7.Modern Enslavement
8.Transgression
9.Pulse Of Existence
10.Silent Genocide
11.Where The Broken Resides

Anders Stegmann – Bass
Lars Hjørnholm – Guitars
Bo Guldal – Guitars, Backing Vocals
Kasper Hornstrup – Vocals
Martin Kilic – Drums

DEATH COMES PALE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta