Dawn Of Tears – Act Iii: The Dying Eve

Dawn Of Tears – Act Iii: The Dying Eve

Produzione cristallina per un album ben suonato e interpretato con il giusto piglio dal growling del vocalist J.Alonso; la band picchia senza risparmiarsi e già dall’opener A cursed Heritage le somiglianze con il capolavoro dei Dark Tranquillity “Projector” sono evidenti.
Nel corso dell’album qualche rallentamento di stampo gothic, con la presenza di una voce femminile, spezza la tensione che rimane comunque alta, e quando la band schiaccia sull’acceleratore, come nella bellissima The Darkest Secret, ecco che fanno capolino i Children Of Bodom.
Anche se un pò troppo derivativo l’album piace, i brani sono ottimi e la band suona compatta,quindi avanti cosi!

Tracklist:
01. A Cursed Heritage
02. Present Of Guilt
03. Lament Of Madeleine
04. The Darkest Secret
05. Silent As Shades Are
06. Angel Gone
07. The 7th Seal
08. Oceans
09. Prize Denied

Line-up:
J. Alonso – Vocals
J.L. Trebol – Guitar
Johnny W. – Guitar
R. Sendra – Bass
I. Perez – Drums

DAWN OF TEARS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.