Dawn Of Tears – Act Iii: The Dying Eve

Madrid: dalla capitale spagnola giungono i Dawn Of Tears, freschi di firma con l’etichetta finlandese Inverse Records e autori di un death metal melodico che ricorda neanche tanto velatamente alcune delle band guida del sound scandinavo come Dark Tranquillity, Sentenced e Children Of Bodom, senza rinunciare ad un tocco gothic, come si evince già dalla copertina.

Dawn Of Tears – Act Iii: The Dying Eve

Produzione cristallina per un album ben suonato e interpretato con il giusto piglio dal growling del vocalist J.Alonso; la band picchia senza risparmiarsi e già dall’opener A cursed Heritage le somiglianze con il capolavoro dei Dark Tranquillity “Projector” sono evidenti.
Nel corso dell’album qualche rallentamento di stampo gothic, con la presenza di una voce femminile, spezza la tensione che rimane comunque alta, e quando la band schiaccia sull’acceleratore, come nella bellissima The Darkest Secret, ecco che fanno capolino i Children Of Bodom.
Anche se un pò troppo derivativo l’album piace, i brani sono ottimi e la band suona compatta,quindi avanti cosi!

Tracklist:
01. A Cursed Heritage
02. Present Of Guilt
03. Lament Of Madeleine
04. The Darkest Secret
05. Silent As Shades Are
06. Angel Gone
07. The 7th Seal
08. Oceans
09. Prize Denied

Line-up:
J. Alonso – Vocals
J.L. Trebol – Guitar
Johnny W. – Guitar
R. Sendra – Bass
I. Perez – Drums

DAWN OF TEARS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunità: quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano