Cvinger – Monastery Of Fallen

Cvinger – Monastery Of Fallen

Interessante Ep degli esordienti blacksters sloveni Cvinger: Monastery Of Fallen è una produzione che mostra un band già sufficientemente evoluta nonostante stia muovendo ancora i primi passi e provenga da un paese dalla relativa tradizione in campo estremo.

Nei venti minuti a loro disposizione , i Cvinger inscenano il loro rito blasfemo alternando canti gregoriani, passaggi acustici e sfuriate di black vecchia scuola ; considerando che l’Ep ha appunto una durata limitata, l’indugiare troppo in momenti, per così dire, interlocutori, potrebbe rivelarsi un aspetto negativo, ma va detto che tali frangenti appaiono del tutto funzionali allo sviluppo lirico del lavoro.
Ottime Among the Crucified , dai tratti decisamente evocativi, e la title-track, nella quale la ferocia esibita viene sempre tenuta sotto controllo evitando così che il tutto finisca per sfociare in un caos indistinto.
Il potenziale espresso in Monastery Of Fallen è davvero interessante, per cui appare più che lecito attendersi qualcosa di importante dal trio sloveno nell’immediato futuro.

Tracklist:
1. Chapter 1: Into the Depts of Arcane Sanctuary
2. Blaspherion
3. Among the Crucified
4. Salvation in the Darkest Wrath
5. Chapter 2: Of Ashes and Dust
6. In Thy Kingdom’s Shadow
7. Monastery of Fallen
8. Chapter 3: Amen

Line-up :
Krieg Maschine Drums
Bagot Guitarsla sfiruata del
Lucerus Vocals, Bass

CVINGER – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.