iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Cvinger – Monastery Of Fallen

Il potenziale espresso in "Monastery Of Fallen" è davvero interessante, per cui appare più che lecito attendersi qualcosa di importante dal trio sloveno nell’immediato futuro.

Cvinger – Monastery Of Fallen

Interessante Ep degli esordienti blacksters sloveni Cvinger: Monastery Of Fallen è una produzione che mostra un band già sufficientemente evoluta nonostante stia muovendo ancora i primi passi e provenga da un paese dalla relativa tradizione in campo estremo.

Nei venti minuti a loro disposizione , i Cvinger inscenano il loro rito blasfemo alternando canti gregoriani, passaggi acustici e sfuriate di black vecchia scuola ; considerando che l’Ep ha appunto una durata limitata, l’indugiare troppo in momenti, per così dire, interlocutori, potrebbe rivelarsi un aspetto negativo, ma va detto che tali frangenti appaiono del tutto funzionali allo sviluppo lirico del lavoro.
Ottime Among the Crucified , dai tratti decisamente evocativi, e la title-track, nella quale la ferocia esibita viene sempre tenuta sotto controllo evitando così che il tutto finisca per sfociare in un caos indistinto.
Il potenziale espresso in Monastery Of Fallen è davvero interessante, per cui appare più che lecito attendersi qualcosa di importante dal trio sloveno nell’immediato futuro.

Tracklist:
1. Chapter 1: Into the Depts of Arcane Sanctuary
2. Blaspherion
3. Among the Crucified
4. Salvation in the Darkest Wrath
5. Chapter 2: Of Ashes and Dust
6. In Thy Kingdom’s Shadow
7. Monastery of Fallen
8. Chapter 3: Amen

Line-up :
Krieg Maschine Drums
Bagot Guitarsla sfiruata del
Lucerus Vocals, Bass

CVINGER – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.