iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Crone–gehenna

"Gehenna" si rivela una prova decisamente incoraggiante e, soprattutto, non appare come una sterile riproposizione di uno stile musicale già praticato nelle rispettive band dai musicisti coinvolti.

Crone–gehenna

Crone è un nuovo progetto del musicista tedesco sG (Philipp Jonas), dei più noti Secrets Of The Moon, coadiuvato dal batterista dei deathsters Embedded, Markus Renzenbrink.

Le coordinate sonore si spingono piuttosto lontano dal background del duo, finendo per offrire quattro tracce dagli umori dark, oscillanti tra il post metal e l’alternative dai tratti più intimisti.
L’operazione non si rivela affatto superflua perché la musica contenuta in Gehenna è sufficientemente varia e, appunto, distante dalle sonorità maneggiate di consueto dal duo tedesco per giustificarne la nascita, anche se non tutto fila liscio alla perfezione: infatti, è piuttosto evidente che sG, qui alle prese con brani che richiedono una voce decisamente più educata rispetto alle sferzate black/avanguardiste dei Secrets Of The Moon, fatica non poco a mantenere un’intonazione accettabile e tale aspetto viene accentuato proprio nel brano migliore del lotto, quella Your Skull-Sized Kingdom dalle atmosfere a tratti contigue a quelle degli Antimatter, proprio per l’impietoso confronto con quello che sarebbe potuta essere l’ipotetica interpretazione di Mick Moss.
Ma, del resto, così come nella recente recensione dei Sol Invictus mi sono arreso all’ineluttabilità del cantato di Tony Wakeford, non posso che fare coerentemente altrettanto con il buon sG, anche se quest’ultimo certo non porta alle estreme conseguenza le stonature come fa, invece, con nonchalance il corpulento vate del neo folk.
Infatti, una Escher’s Stairs nella quale pare di ascoltare un J Mascis d’annata (tanto per restare nell’ambito di interpreti molto “sui generis”) e la conclusiva Dead Man, brano definibile a buon titolo come una sorta di post grunge, sono episodi decisamente belli e riescono così a far passare sufficientemente in secondo piano queste debolezze che vengono parzialmente compensate dalla sentita interpretazione di sG, il quale peraltro nella traccia finale si fa coadiuvare da un’ospite d’eccezione quale Jarboe (ex-Swans).
Senza dimenticare anche la title-track, buon esempio di dark metal nel solco della più recente tradizione teutonica (ultimi Nocte Obducta), Gehenna si rivela una prova decisamente incoraggiante e, soprattutto, non appare come una sterile riproposizione di uno stile musicale già praticato nelle rispettive band dai musicisti coinvolti.
In prospettiva di un full-length è auspicabile che sG migliori almeno un po’ la propria tecnica vocale e, qualora ciò si verificasse, i Crone potrebbero ambire concretamente a diventare qualcosa in più rispetto ad uno dei tanti progetti paralleli ancora in divenire.

Tracklist:
01. Houses Of Gehenna
02. Your Skull-Sized Kingdom
03. Escher’s Stairs
04. Dead Man

Line-up:
sG – Vocals & Guitars
Markus Renzenbrink – Drums & Guitars

CRONE – Facebook

o industrial dalle sfumature dark.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.