Club Voltaire – The Escape Theory

Club Voltaire – The Escape Theory 1 - fanzine

Club Voltaire – The Escape Theory

I lombardi Club Voltaire (Marco Cantore, Antonio Gallo, Lorenzo Quadranti, Niccolò Meroni), dopo aver pubblicato tre ep nel corso degli ultimi cinque anni, danno alle stampe il loro primo disco lungo, The Escape Theory. Il lavoro, in uscita per La Fleur Records, propone undici brani indie rock molto vicini al brit pop e a solari sonorità anni ’60.

I cinquantuno secondi di Rising Start lasciano germogliare i freschi e coinvolgenti ritornelli dell’ottima Kingdom Fall, mentre There Is No Sound, con il suo sinuoso intrecciarsi di basso, batteria e chitarra (costellato di cori ariosi) apre al frizzante e ritmato correre di Don’t! (a venire in mente sono gli Oasis).
Le atmosfere estive e distese di Pieces Of Beach, abbandonandosi, in certi momenti, a languide chitarre, introducono lo spirito più energico e determinato di Weller (con una voce che nei ritornelli ricorda molto Dave Grohl) e il delicato sound acustico della leggera Back In Time.
La raffinata e spensierata Rendez-Vous, invece, ormai giunti nella parte finale del lavoro, si contrappone all’animo più scuro e preoccupato di Friday 3 Am, prima che a chiudere siano il fragore festante di Midnight Chance e il pianoforte introverso e riflessivo di Words Don’t Cover.

Gli undici brani di questo The Escape Theory colpiscono per la loro maturità compositiva e per il loro rivelarsi compatti, omogenei e sempre ben equilibrati. I Club Voltaire dimostrano di essere una band piuttosto competente e dalle idee ben chiare. Un buon disco che, pur guardando al passato, riesce a sviluppare un sound attuale e, in parte, originale.

Tracklist:
01. Rising Start
02. Kingdom Fall
03. There Is No Sound
04. Don’t!
05. Pieces Of Beach
06. Weller
07. Back In Time
08. Rendez-Vous
09. Friday 3 Am
10. Midnight Chance
11. Words Don’t Cover

Line-up:
Marco Cantore
Antonio Gallo
Lorenzo Quadranti
Niccolò Meroni

CLUB VOLTAIRE – Facebook

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.