iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ché Aimee Dorval – The crowned

“The crowned” è il nuovo disco di Ché Aimee Dorval in uscita per l’inglese Icons Creating Evil Art. Il lavoro è una carezza in un pugno, un’ottima produzione di una musicista che ha dei numeri decisamente fuori dalla media comune.

Ché Aimee Dorval – The crowned

“The crowned” è il nuovo disco di Ché Aimee Dorval in uscita per l’inglese Icons Creating Evil Art. Il lavoro è una carezza in un pugno, un’ottima produzione di una musicista che ha dei numeri decisamente fuori dalla media comune. Cresciuta a Toronto in una famiglia allargata dove la musica rivestiva un ruolo importante, Ché ha assorbito tantissime cose che ha saputo rielaborare e rileggere alla luce del suo grande talento.

La musicista di Toronto fa un indie pop con un tiro devastante, la sua voce spazia su tappeti sonori pieni e corposi, con suoni molto accattivanti, assai beli e con un notevole appeal commerciale e radiofonico, cosa che non guasta anzi. Bob Rock ha prodotto metà del disco e dopo la pandemia (ma c’è davvero un dopo pandemia?) Ché Aimee Dorval ha fatto il resto, e il risultato è notevole e segna un nuovo inizio per lei, e anche per una carriera che sta andando assai bene.

La ragazza ha collaborato con molti nomi ma uno in particolare indica molto chiaramente il talento e la diversità della canadese : l’altrettanto canadese Devin Townsend uno dei geni del prog metal mondiale, con il quale lei ha condiviso il gruppo Casualties Of Cool e ha collaborato anche al suo ultimo album.

Non troverete in questo lavoro del prog metal ovviamente, ma c’è tantissimo d’altro, e sopra tutte le cose un senso della musica originale e mai ovvio, e che riesce a fare musica validissima ed al contempo appetibile. In questo ultimo lavoro Ché Aimee Dorval  mostra tutte le sue possibilità musicali e anche canore, dato che possiede una voce in grado di interpretare diversi tipi di musica e anche di incendiare una canzone.

La musicista canadese possiede un talento che qui viene esplorato in misura maggiore rispetto ai precedenti lavori ma c’è ancora moltissimo da scoprire e da godere. “The crowned” è un lavoro per chi ha ancora voglia si stupirsi e di farsi del bene con la musica, quella musica che va oltre i generi e che non ha confini.

Si potrebbe definirlo un disco indie tout court ma possiede quella raffinatezza pop che lo posizione al di sopra dei generi e che lo fa uscire dal quel falso senso di alternativo che a volte fa più male che bene.

Disco completo e con una marcia in più.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.