Cesare Basile – Sette Pietre Per Tenere Il Diavolo A Bada

Cesare Basile – Sette Pietre Per Tenere Il Diavolo A Bada

Cesare Basile, dopo Storia Di Caino (2008), ritorna con un nuovo disco: Sette Pietre Per Tenere Il Diavolo A Bada. Se già dal titolo si può presagire che lo smalto non è andato perso nel silenzio degli ultimi tre anni, a convincerci della qualità dell’opera ci pensa anche la presenza di una lunga lista di nomi noti (Alessandro Fiori, Roberto Angelini, l’ormai onnipresente Enrico Gabrielli, Rodrigo D’Erasmo e Roberto Dell’Era, per citarne solo alcuni).

L’ordine Del Sorvegliante ha il compito di aprire, con le sue ritmiche viscerali, la chitarra ipnotica, gli arrangiamenti serpeggianti e, soprattutto, con il suo ritornello ammaliante “che alle volte la canzone è un asino che raglia, e l’amore una faccenda troppo delicata, per lasciarla a voi”. Il Sogno Della Vipera mesta e cruda, con voce scura e ruvida (un poco alla Giorgio Canali), striscia lenta su terre aride e roventi mentre L’Impiccata cresce, con il suo testo crudo e l’incedere inarrestabile, tra cori, chitarre e fiati incatramati. Strofa Della Guaritrice non intende demordere e, su ritmi sghembi e melodie allucinate, riproduce l’angosciante movimento dell’esercito dei vermi “…il signore è così che lo vuole il mondo, se non campano i vermi nessuno può campare”. E Alavò, in siciliano, trasmette calore e sudore, ricordando in alcuni passi Fabrizio De Andrè, il quale, viene citato esplicitamente nella successiva Elon Lan Ler, tra momenti inquieti, spiragli di dolcezza e la rivisitazione della Ballata Dell’Amore Cieco. Sette Spade, più spigliata, ha ancora De Andrè nelle ossa, avvertendo che “tu mangi terra e loro mangian pane” mentre Lo Scroccone Di Cioran piomba nella calma e nella notte, adagiandosi su splendidi arrangiamenti. La Sicilia Havi Un Patruni sa di terra e di fatica, di tensione, di rabbia ribollente e frustrazione sull’orlo dell’esplosione. Infine, Questa Notte L’Amore A Catania, più delicata e distesa (almeno nella musica), mette fine al disco.

Cesare Basile ritorna e convince. Un disco che si lascia ascoltare con facilità e che soddisfa nella sua interezza. Le melodie, i testi, gli arrangiamenti sono ben curati ed efficaci fin nel dettaglio. Si può lamentare che alcuni momenti siano un poco meno interessanti e che lo spirito di Fabrizio De Andrè aleggi nell’ombra, ma sono piccolezze; il disco gronda qualità e non delude.


TRACKLIST:
01. L’ordine Del Sorvegliante
02. Il Sogno Della Vipera
03. L’impiccata
04. Strofe Della Guaritrice
05. E Alavò
06. Elon Lan Ler
07. Sette Spade
08. Lo Scroccone Di Cioran
09. La Sicilia Havi Un Patruni
10. Questa Notte L’Amore A Catania

CESARE BASILE - SETTE PIETRE PER TENERE IL DIAVOLO A BADA

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.