Carnagie Hall – Carnagie Hall Ep

Carnagie Hall – Carnagie Hall Ep

I Carnagie Hall sono quattro ventenni con le idee chiare, ovvero fare del pop rock senza cadere nello scontato e nel banale. Eleganza e ricerca dei suoni sono alla base di questo progetto.

I Carnagie Hall sono dei giovanissimi bresciani che dimostrano molto piĂą della loro etĂ  anagrafica.

Con il loro primo lavoro in studio danno la possibilità all’ascoltatore di gustare un alternative pop rock che non sdegna, non si ripete e soprattutto non ti fa dire: “Niente di nuovo”, bensì: “Ma guarda un po’ tutti sti quattro ragazzini cosa sanno fare!”. Il quartetto bresciano sembra avere le idee chiare, anzi, chiarissime. A partire dalla scelta dei suoni, ricercata e mai a casaccio, spaziando da chitarre violente ed incisive ad arpeggi sopraffini; la voce, seppur ancora abbastanza acerba, mostra di aver qualità da vendere, la sezione ritmica non scherza neppure e ti lascia qualche livido sulla pelle nei brani più spinti come Quit the lie. Sicuramente Mistress eyes si impone tra tutti gli altri pezzi dell’album e scala in fretta la classifica dei brani più belli, ascoltati tutti d’un fiato, grazie ad arrangiamenti molto curati ed onirici dove, a volte, si possono scorgere le influenze di Interpol, Muse e robe simili: insomma, niente da ridire su ogni minima scelta compositiva della band. A dirla tutta questi giovani bresciani potrebbe pure essere i nuovi Incubus, con la speranza che il nostro territorio dia la possibilità a band come queste di crescere e di poter davvero affermarsi e diventare qualcosa d’importante. Che poi, gli Incubus, facevano già certe cose quando avevano vent’anni? Ai posteri l’ardua sentenza!

TRACKLIST
1. Ain’t Got The World Waiting
2. Mistress Eyes
3. Quit The Lie
4. The Sun
5. Lights Go Out
6. Instrumental

LINE-UP
Emanuele Fiammetti – voce/chitarra/violoncello
Lorenzo Lombardi – basso/cori
Francesco Lombardi – chitarra
Simone Forbice – batteria

CARNAGIE HALL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo giĂ  parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.