iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Calico Jack – Panic In The Harbour

Questa è musica dall'elevato tasso alcolico, suonata principalmente per divertirsi e fare divertire e, in tal senso, i Calico Jack raggiungono agevolmente l’obiettivo.

Calico Jack – Panic In The Harbour

I milanesi Calico Jack si presentano con questo Ep, Panic In The Harbour, che ci consente di familiarizzare con il loro immaginario piratesco.

Per la verità questo lavoro risale al 2013 e l’occasione di parlarne oggi viene fornita dal recente accordo della band con la Ronin Agency.
Il sound proposto dalla combriccola prende le mosse da un robusto heavy metal irrorato da una sapiente dose di folk, evocata dal violino di Dave; in effetti, uno degli aspetti più interessanti dei Calico Jack è proprio questo tentativo, per lo più riuscito, di far convivere il metal classico con atmosfere tradizionali di ispirazione celtica ed un aspro cantato in growl.
Questa è, al di là di tutte le possibili definizioni, musica dall’elevato tasso alcolico, suonata principalmente per divertirsi e fare divertire e, in tal senso, il gruppo lombardo raggiunge agevolmente l’obiettivo grazie a tre brani quali Where Hath th’ Rum Gone?, House of Jewelry e Grog Jolly Grog, convincenti il giusto e in grado, probabilmente, di scatenare il pubblico in sede live (meno efficace, invece la conclusiva Deadly Day in Bounty Bay).
Qualcosina da sistemare lo si rinviene comunque: per esempio il growl di Giò non è il massimo dell’espressività e, ogni tanto la convivenza tra le due anime, heavy e folk, appare parzialmente forzata.
Nulla che non sia rimediabile, del resto stiamo parlando di una band dalla nascita recente e con una discografia ancora limitata, il che fa presupporre che i nostri il loro meglio debbano ancora regalarcelo.
Immaginando che i Calico Jack siano già al lavoro su del nuovo materiale che, si spera, possa portarli ad incidere il primo full length, attendiamo fiduciosi i prossimi sviluppi. Yarrrrr!

Tracklist:
1. Where Hath th’ Rum Gone?
2. House of Jewelry
3. Grog Jolly Grog
4. Deadly Day in Bounty Bay

Line-up:
Ricky – Bass
Caps – Drums
Melo – Guitars (lead)
Toto – Guitars (rhythm)
Dave – Violin
Giò – Vocals

CALICO JACK – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

Shamael – Il Suono di Mille Orchestre Parte II

Galasso con quest’opera a nome Shamael conferma di aver scelto nuovamente la strada più difficile per giungere all’attenzione degli appassionati e fa bene, sia per i risultati raggiunti sia perché un ipotetico successo commerciale sarebbe irraggiungibile in questo segmento stilistico, anche offrendo sonorità più edulcorate; l’esito de Il Suono di Mille Orchestre è gratificante e per certi versi anche più peculiare, rivelandosi la maniera ideale per il musicista pugliese di veicolare il suo profondo sentire.