iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Bureviy – Concealed Beyond The Space

I Bureviy interpretano la materia con buona convinzione e diversi spunti di rilievo, pur tra qualche imperfezione.

Bureviy – Concealed Beyond The Space

Gli ucraini Bureviy arrivano al full length d’esordio dopo il classico demo di assaggio pubblicato 2 anni fa.

La band di Lviv propone un pagan black metal che nell’area geografica sta trovando diversi adepti e conseguentemente fornendo buoni risultati.
I Bureviy interpretano la materia con buona convinzione e diversi spunti di rilievo, pur tra qualche imperfezione.
L’alternanza delle voci è forse l’aspetto che meno convince, non tanto per le doti dei singoli, quanto per il connubio un po’ forzato tra le clean vocals di stampo dark di Nemezis e lo screaming disperato e straziante di White Fury, più attinente ad un disco depressive che non a questo stile.
Va da sé che questo aspetto sicuramente finisce per caratterizzare maggiormente il lavoro dei ragazzi ucraini, capaci di riversare in questi sette brani una buona dose di furia che si sposa efficacemente, in questo caso, con un gusto melodico sufficientemente spiccato.
I brani alternano sfuriate di stampo black a rallentamenti che, sovente, coincidono con i passaggi più evocativi, il che rende alla fine Concealed Beyond the Space un disco buono ma foriero per i suoi autori di ulteriori progressi in futuro.
I Bureviy confermano, ad ogni buon, conto la vitalità della scena metal ucraina, in grado di offrire ottime band un po’ in tutti i sottogeneri, con una spiccata predilezione per il gothic e per quelli più estremi.

Tracklist:
1. Time
2. In Bonds of Waves
3. Eclipse
4. Concealed Beyond the Space
5. The Lace of the Norns
6. Darradarljod
7. Gravsted

Line-up:
ValkyriAnn – Bass
Winterheart – Guitars
Raven – Guitars
Nemezis – Vocals
White Fury – Vocals
Jotunhammer – Drums

BUREVIY – Facebook

https://www.youtube.com/watch?v=uCEuqqGxB9c

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.