Bud Spencer Blues Explosion – Bsb3

Bud Spencer Blues Explosion – Bsb3

E’ un piacere ascoltare i Bud Spencer Blues Explosion, duo arrivato qui al terzo disco.
E questo è l’album più curato e ben prodotto della loro discografia. Finalmente viene catturata su supporto fonografico la potenza e la sincera semplicità dei loro infuocati concerti.

BSB3 viaggia a pieno ritmo dalla prima all’ultima canzone, mostrando anche il lato più sofisticato del gruppo.
I Bud Spencer Blues Explosion sono un duo molto semplice e rock, dalle pulsioni però difficili da rinchiudere in un genere. Alla base c’è il blues, innaffiato da una robusta dose di rock, ma i ragazzi hanno un qualcosa che li rende più affascinanti di tanti gruppi simili.
Dentro hanno un blues moderno, eppure si sentono echi di classicismo sapientemente imbastarditi con il rock, non annoiano mai ed hanno una grande anima.
Sinceramente penso che fino ad ora abbiano raccolto meno di quanto meritino, ma questo album dovrebbe colmare la distanza.
La chitarra e la batteria disegnano archi infuocati, alzano mulinelli di sabbia nel deserto italiano.
La produzione di Giacomo Fiorenza già con Colapesce, Moltheni, Offlaga Disco Pax e I Cani è orizzontale e paritaria rispetto al gruppo e fornisce un ottimo apporto, senza snaturare nulla, come dovrebbero fare tutti i produttori.
Sembra di essere in uno stato del delta del Mississipi, invece è tutto nostrano e molto rustico.
Certamente ha giovato portare alcuni nuovi pezzi in tour nel “This is not a show tour”, seppure in forma ancora embrionale.
Recentemente è anche uscito il video tratto dal singolo Duel, per la regia di Alex Infascelli, prodotto che ha fatto discutere i fans, e in fondo già questo è un punto a loro favore.
Da notare la grande ironia della copertina, realizzata da Francesca Pignataro e Ilaria Magliocchetti Lombi, che gioca con il tema della divinità e il numero 3 e, ovviamente, la piramide simbolo di potenza esoterica: gli appassionati di Illuminati e complotti si potrebbero sbizzarrire sul tema.
Un grande disco per un gruppo che sfrutta fino in fondo le proprie immense potenzialità.

Tracklist:
1. Duel
2. Hey Man
3. Mama
4. Miracoli
5. No Soul
6. Croce
7. Camion
8. Rubik
9. Inferno Personale
10. Troppo Tardi
11. Mama ( Reprise \ GhostTrack )

Line-up:
Adriano Viterbini – Chitarra, Voce, Wurlitzer, Mellotron, Vibrafono.
Cesare Petulicchio – Batteria, Percussioni, Synth.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.