iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Bravata – Lead The Sin

Il terzo singolo della punk band leccese, tra la New York proto-punk e l'Inghilterra degli 80s

Bravata – Lead The Sin

A Lecce tra il nulla seccato dal sole oltre la stazione ferroviaria ed i pub del centro storico poco distante, sorge il Quartiere Ferrovia.

Uno tra i più multiculturali e sporchi di vita vera della città: immigrati, prostitute, baretti fermi agli anni ’80, negozietti etnici e palazzine decadenti. Poi c’è un negozio di dischi, una squadra di calcetto multirazziale, un’etichetta discografica ed una punk band.

Dietro tutti questi progetti c’è un ragazzo, Sergio Chiari, rispettivamente proprietario del negozio, fondatore e mister della squadra, produttore dell’etichetta e cantante e chitarrista della band.

Quest’ultima, i Bravata, presenta il proprio terzo singolo in tre anni di attività. La maturazione all’interno del gruppo è evidente: inizialmente proponeva un punk rock pesantemente influenzato dal glam inglese dei 70s, ma nel tempo, pur non abbandonando il solco tracciato, ha affinato il proprio stile, scavando nella matrice blues del sound di partenza.

“Lead The Sin” con i suoi power-chord e quel gusto di disperazione urbana chiama stilisticamente a raccolta il sottobosco proto-punk dei mid-seventies newyorkesi, soprattutto Dictators e Heartbrakers.

Ma, come anche nei precedenti singoli, il lato B mostra l’aspetto più melodico, decadente e post-punk del combo: “Rude” intreccia suggestioni tra Marc Bolan, i Damned e persino la scena alternativa della Manchester della seconda metà degli anni ‘80.

Solo un 45 giri ma ancora tantissima carne al fuoco per i Bravata: tensione creativa, personalità e compattezza al servizio del rock’n’roll e del Quartiere Ferrovia, Lecce.

Etichetta Label: White Zoo Records

Track List
1) Lead The Sin
2) Rude

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

caribbean uptempo

George Dekker and The Mighty Megatons – Take Me Home (7”)

George Dekker è una stella minore nel firmamento del reggae: attivo sin dagli anni ’60, sia da solista che insieme al leggendario trio vocale dei Pioneers ha inciso tracce indelebili del rocksteady. George Dekker and The Mighty Megatons – Take Me Home (7”)

FUNKOOL ORCHESTRA – BOOGIE WITH YOUR BABY

Per anni l’iconica cartolina “James Brown ti protegge” firmata dalla crew di dj napoletani Funkool ha campeggiato nel soggiorno di casa dei miei. Che bei ricordi: il faccione sorridente e il capello impomatato del Signor Brown che benediceva –per l’appunto- pranzi e cene preparati da mammà.

LIFT IT UP VOL. IV – GLOBAL PLAYERS (VV.AA.)

Il Lift It Up Soundsystem è un duo tedesco di dj bizzarri e visionari che propone esclusivamente selezioni da storiche lacche a 78 giri. La loro collezione è una preziosa miniera di pop e folk proveniente da tutto il mondo: Nord America, India, Grecia, America Latina, Africa, Giappone.