Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing…in The Pond Of Your Clownish Tears

Body Bag Redemption - The exclusive fun of fishing...in the pond of your clownish tears

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing…in The Pond Of Your Clownish Tears

Quando vedo sulla copertina di un disco un pesce il mio pensiero corre ai Flipper.

Poco importa se in questo caso sia ben definito e non quello sghembo della band di Frisco, e nulla importa se i suoni di queste quattro canzoni possano non ricordare la suddetta punk band, tesi, per altro, sulla quale ci sarebbe molto da discutere ed eccepire.

Quello che accomuna il progetto di Andrea con la realtà sopracitata, e molteplici altre, si chiama attitudine; lo so che state pensando che si tratti di un termine spesso abusato, a volte un po’ retorico, ma di questo si tratta, della voglia e della necessità di dire qualcosa fottendosene sostanzialmente di chi vi si possa accostare ma con la certezza che, chi lo farà, ne possa condividere lo spirito e l’urgenza.

Come detto si tratta di quattro brani che bruciano la loro tormentata esistenza in meno di dieci minuti; ad aprire il tutto ci pensa Tabarin Mosh nel quale una scheggia di acuminato hardcore viene sovrapposta ad un frammento di una canzone italiana degli anni 40/50 (scusate non saprei dirvi quale), e già l’idea è di per sé illuminante.

A seguire, sempre rimanendo nel solco di qualcosa di straniante ed incompromissorio, si trova Directory Listing Denied disturbante quanto gli Helmet o i Jesus Lizard tormentata come i Come, French Riviera Rock’n’roll Nigger ha scosse elettriche inframezzate da momenti di agghiacciante tranquillità e quando si apre può pure apparire sinistramente lineare e melodica, chiude il tutto Lounge Holocuast di cui già il titolo dice molto, un picnic post atomico dove il tutto è tossico e gustoso al tempo stesso.

Come avrete capito qui non c’è nulla di generico e, chi non ha colto la citazione, non è più nostro amico (mio e dell’autore) nella vita, sui social, nell’aldilà e ricordi che il pallone è nostro e non si sogni neanche lontanamente che lo faremo giocare.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati