Bob Corn – Songs To The Wind

Bob Corn – Songs To The Wind

Bob Corn - Songs To The Wind: "these songs come from travels and from the strenght of hugs this record is for all those who are not happy just to hav...

“these songs come from travels and from the strenght of hugs
this record is for all those who are not happy just to have as they need to give”

E’ così che Bob Corn (all’anagrafe Tiziano “Tizio” Sgarbi) descrive il suo nuovo lavoro, Songs To The Wind. Sette nuove canzoni, suonate insieme a molti cari amici (Bruno Dorella, Giorgio Borgatti, Emanuele Reverberi, Glauco Salvo, Fabio Bonelli, Lili Refrain), per dipingere atmosfere ancora una volta calde, solari, evocative e, in questo caso, spesso agrodolci.

La partenza è calda e solare grazie alla delicata vivacità di Here I Go che, costruita su chitarra, banjo e violino, accarezza e culla fino ai margini della più malinconica Language And Luggage, pezzo dal sapore autunnale, disegnato su sottili ed emotive note di chitarra e tromba. Lost In The Mirror prosegue mantenendosi sulla stessa linea emotiva, sostituendo il clarinetto alla tromba, ma non variando il piacevole risultato finale, mentre This Moment We Borrow gioca con la fisarmonica, duettando con una voce femminile (dovrebbe essere Lili Refrain, ma non assicuriamo). Play For Me cambia le carte in tavola riportando in primo piano energia e solarità (violino impazzito e vigorosi accordi di chitarra), ma la successiva Tell Me How (questa volta è certamente Lili Refrain a cantare) si getta di nuovo su atmosfere pensierose e malinconiche. Flower On A Rock, infine, conclude tra note morbide e sottili, poesia ed emotività.

Songs To The Wind è un disco che affonda le radici in territori malinconici e riflessivi (le canzoni scorrono delicate ed evocative, armandosi di arrangiamenti essenziali quanto efficaci), mettendo leggermente da parte la spensieratezza e la solarità dei precedenti lavori.

Bob Corn si conferma, per l’ennesima volta, come uno degli outsider più interessanti d’Italia. Sempre ai margini del sistema musicale italiano, il cantautore rilascia dischi a piacimento, senza porsi eccessive preoccupazioni, ma centrando sempre il bersaglio. Un ascolto consigliato.

TRACKLIST:
01. Here I Go
02. Language And Luggage
03. Lost In The Mirror
04. This Moment We Borrow
05. Play For Me
06. Tell Me How
07. Flower On A Rock

bob corn-songs to the wind

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo