Bloid – Rise To Ruination

Bloid – Rise To Ruination

Provengono dai Paesi Bassi questi tre mazzuolatori nati nel 2006 ed arrivati alla firma per Wormhlodeath dopo due demo e un Ep del 2010 dal titolo “Monumentum”.

La nuova mezz’ora di musica che esce dai solchi del nuovissimo Rise To Ruination è composta da un metallo martellante, distruttivo come pochi, monolitico a tratti, sempre su ritmiche cadenzate e con chitarre pesantissime e lancinanti, una montagna di riff mastodontici che si muovono all’unisono per travolgerci.
La band di Alkmaar ci va giù pesante, questo è certo, e quando decide di accelerare, tritura i padiglioni auricolari mantenendo una pesantezza di fondo devastante.
Le influenze dichiarate sono Machine Head, Pantera e Meshuggah, io ci aggiungerei Mastodon ed un pizzico di stoner, che aleggia spensierato come il fumo di un Joint sulle teste dei tre sfasciacarrozze.
Le sette song non danno tregua, con la title-track che risplende più di tutte nel songwriting del gruppo, ritmiche che rallentano e partono a bomba, cambi di tempo ben strutturati e growl sguaiato che nel contesto dell’album risulta perfetto.
Ottime le performance di tutti e tre i musicisti: sezione ritmica bombardante con Daan, superlativo il suo lavoro alle pelli, e Marijn “Rijnes” Galis, che sfodera una prestazione spettacolare sia alla voce che al basso;
Jeroen alla chitarra non è da meno dei suoi compari, con riff granitici e solos pregni di dissonanze, con corde sempre al limite dello strappo.
Oltre alla già citata Rise To Ruination , segnalo la grandiosa Fubar, la traccia più vicina al death metal del lotto, e Sudden Urge, un thrash/groove metal dall’impatto di un carro armato.
I Bloid si rivelano un ottima proposta per gli amanti delle sonorità elencate, validi sotto l’aspetto tecnico senza perdere un’oncia d’impatto che, a tratti, appare assolutamente devastante; date loro un ascolto, non ve ne pentirete.

Tracklist:
1.Attack of the sun
2.Ein, zwei, die
3.Pandemic
4.Rise to ruination 0
5.F.U.B.A.R.
6.The nemesis
7.Sudden urge

Line-up:
Marijn ‘Rijnes’ Galis – bass, vocals
Jeroen Broekman – guitar, vocals
Daan Broekman – drums

BLOID – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati