Black Jesus – Everything Black Everything Death

Black Jesus – Everything Black Everything Death

Tutto sommato questo album d’esordio dei Black Jesus non dispiace, pregno com’è di sana violenza e inattaccabile per il suo impatto

Un esercito di demoni portatori del verbo del Black Jesus va all’assalto delle ormai deboli fondamenta su cui si poggia la chiesa di Cristo, ammantando di oscurità il mondo di questi dissacratori sonori che portano avanti la propria guerra a colpi di infuocato death metal.

La band di Melbourne fa la sua prima apparizione sulla scena nel 2010 con l’uscita di un demo che, già dal titolo, è tutto un programma: “Black Jesus Saves”; succcesivamente licenziano un live nel 2012 ed uno split insieme ai Dark Horse lo scorso anno, fino all’uscita, avvenuta diversi mesi fa, di Everything Black Everything Death, guerresco lavoro a base di death old school che ripercorre le gesta di band europee ed americane in egual misura, aggiungendovi un buon impatto hardcore nelle ritmiche forsennate di quasi tutti i brani dell’album.
Quindi troverete, nei solchi di questo dischetto, richiami agli Entombed della discografia più alternativa, epoca “Wolverine Blues” (del resto anche il growl ben distinguibile di Adrian riporta al miglior Petrov), sommati alle scorribande di Possessed e Repulsion, qualche breve rallentamento sulle orme degli ormai leggendari Morbid Angel, il tutto suonato con un’attitudine presa direttamente dall’hardcore più feroce.
Il lavoro, dalla cover in puro stile brutal death, ha nella title-track, Scorch the Sky, We’re All Zombie e Born in a Tomb gli episodi migliori di un lavoro dedicato agli amanti dei suoni oltranzisti, poco inclini a raffinatezze ma esaltati dalla vocazione in your face.
Tutto sommato questo album d’esordio dei Black Jesus non dispiace, pregno com’è di sana violenza e inattaccabile per il suo impatto, che non è azzardato prevedere raggiunga il massimo livello in sede live, con prevedibili e furiosi headbanging.

Tracklist:
1. For Those About to Die
2. Everything Black Everything Dead
3. Reek of Crucifixion
4. Legacy of Hate
5. Detonation
6. Righteous Indignation
7. Scorch the Sky
8. Wère All Zombies Now
9. Shackled to a Corpse
10. Thanks for the Enemies
11. Born in a Tomb
12. A Crimson Vow

Line-up:
Adrian Naudi – Vocals, Guitars
Mick – Guitars
Pete McLean – Bass
Greg – Drums

https://www.facebook.com/TheTrueBlackJesus

Assalto sonoro senza compromessi per i Deathsters Black jesus.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.