Black Engine – Ku Klux Klowns

Black Engine – Ku Klux Klowns

Black Engine - Ku Klux Klowns: WALLACE RECORDSla pancia è aperta e ormai il sangue scorre insieme alle budella, nasce un nuovo sudore, si incrinano oss...

WALLACE RECORDSla pancia è aperta e ormai il sangue scorre insieme alle budella, nasce un nuovo sudore, si incrinano ossa. SAX. Impazziremo prima di leggere il Necornomicon? Chitarre mai sentite prima sconfinano sulla casa di Les Claypool, che muore impotente. Ma i neuroni possono ricrescere?

Disfunzione, anomalia, chiamatela come cazzo volete, è la mia vita. L’Uno ? I Molti? Confine superato, si oscura il segnale, non hai il brevetto di sanità mentale atta alla produzione, non puoi girare tra gli scaffali di nessun supermarket. Compra una vita. Scegli lo scontrino, arranca lentamente. Black Engine, visioni che nascono dal rumore, rumore che nasce dal culo di inquisitori trecenteschi.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.