iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Biopsy – Fractals Of Derangement

Brutal death d'autore per i Biopsy, aspettando la prova sulla lunga distanza che promette scintille.

Biopsy – Fractals Of Derangement

Si torna a parlare di metal estremo proveniente dall’immensa India, con un nuovo lavoro targato Transcending Obscurity, etichetta specializzata nei suoni estremi provenienti dai paesi asiatici.

Clamoroso ep d’esordio per la band di Mumbai, in arte Biopsy, dedita ad un brutal death metal chirurgico come da copertina ed estremamente efficace.
Il trio indiano stupisce per la tecnica sopraffina, messa al servizio di un metal estremo debitore, nel concept, ai primi Carcass, ma che poi prende la sua strada per volare sull’asfalto bollente di un brutal tecnico, colmo di cambi di tempo, suonato dannatamente bene, furioso e spettacolare nelle sue digressioni e umori che cambiano, nascono e muoiono alla velocità della luce, solo rallentando quando il growl belluino entra in scena per accompagnare questo straordinario esempio di come il genere debba essere interpretato.
Akshay Verma alla sei corde e Keshav Javadekar alle pelli sono i complici dell’orco impazzito che con bisturi in mano e mascherina di protocollo squarcia, incide, elimina in un delirio di organi e sangue (Shomeresh Shetty), nel corso di quindici minuti di metal estremo davvero ben fatto.
Grandiosa la title-track, seguita dagli altri quattro brani, funambolici e devastanti, che lasciano di stucco per la notevole tecnica e la padronanza del songwriting del trio asiatico.
Un brutal death d’autore, aspettando la prova sulla lunga distanza che promette scintille.

Tracklist:
1.Hemolytic Crisis
2.Anatomical Reconstruction
3.Genesis
4.Fractals Of Derangement
5.Surgical Symmetry

Line-up:
Shomeresh Shetty – vocals
Akshay Verma – guitars
Keshav Javadekar – drums

BIOPSY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta