iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Beyond Mortality – Infected Life

"Infected Life" si dipana intensamente attraverso le sue brevi dodici tracce senza mostrare evidenti segni di stanchezza e lasciandosi riascoltare volentieri anche a breve distanza

Beyond Mortality – Infected Life

Dopo oltre un decennio di attività e una serie piuttosto nutrita di demo, gli svedesi Beyond Mortality hanno finalmente l’opportunità di pubblicare il primo full-length, grazie anche all’attiva label nostrana WormHoleDeath.

In effetti, è innegabile che questi ragazzi svedesi di gavetta ne abbiano fatta già fin troppa e Infected Life ne è la dimostrazione: il death dei nostri è decisamente di ottima fattura e con lo sguardo rivolto più al passato che non ai giorni nostri, risultando quindi uno di quei preziosi toccasana utili a sgombrare il cervello dai residui lasciati da troppe produzioni iper-tecniche che, a fine ascolto, lasciano in eredità solo un gran mal di testa.
I Beyond Mortality non passeranno alla storia per il loro spirito pionieristico, ma sono onesti e credibili alfieri di un sound che quelli “diversamente giovani” come il sottoscritto, continuano ad apprezzare proprio per la genuina passione per il genere proposto che traspare da ogni singola nota.
Il sound del quintetto di Vaxjo, comunque, è tutt’altro che monolitico, si passa infatti da momenti nei quali fa capolino anche una consistente componente thrash, ad altri nei quali le accelerazioni si fanno furiose per poi scemare, talvolta, in grumosi mid tempo; tutto ciò viene accomunato da un’atmosfera in cui la putredine va di pari passo con un’ottima resa sonora (con lo zampino decisivo di, indovinate un po’, Dan Swano … ).
Infected Life si dipana intensamente attraverso le sue brevi dodici tracce senza mostrare evidenti segni di stanchezza e lasciandosi riascoltare volentieri anche a breve distanza; bravi, quindi, i Beyond Mortality nel proporre un death credibile e sufficientemente fresco, nonostante arrivi da lontano …

Tracklist :
01. The Beyond
02. Demand A Sacrifice
03. Aborted
04. Broken Souls
05. Infected Life
06. Born For The Grave
07. Man Made God
08. Exhumed Remains
09. Suffocation By Fear
10. Final Order
11. Plaguebearer
12. Fill My Ranks

Line-up:
Johan Kaiser – Voce
Tony “Ári” Pettersson – Chitarra
Tobias Karlsson – Chitarra
Gustav Sundin – Basso
Anton Wallette – Batteria

BEYOND MORTALITY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.