iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Beissert – Darkness: Devil: Death

Un disco gradevole ma francamente ho seri dubbi che possa entrare a far parte dei titoli che verranno ricordati alla fine di questo 2013 ed è un peccato, perché i Beissert sembrerebbero avere i numeri e l’esperienza necessaria per fare molto meglio di così.

Beissert – Darkness: Devil: Death

Non è facile inquadrare con precisione una proposta come quella de i tedeschi Beissert; spesso questa caratteristica si rivela essere un pregio più che un difetto ma, nel caso che prendiamo in esame, non sempre le cose vanno così.

Infatti, quella varietà stilistica, che si estrinseca in un mix di thrash, power, metalcore e che, in teoria, dovrebbe costituire una sorta di assicurazione contro la noia, finisce per ritorcersi contro la band di Dresda rendendo piuttosto frammentaria la fruizione di Darkness: Devil: Death.
Formalmente non c’è nulla che non vada: un buon cantante come Bssrt, piuttosto versatile nell’interpretare la materia, una prestazione strumentale esente da pecche e una buona produzione, ma ciò che fa sentire maggiormente la propria mancanza è la scintilla che differenzia l’album discreto da quello eccellente.
Anche dopo ripetuti ascolti riesce difficile citare un brano trainante o che spicchi in modo particolare nel contesto, forse le sole Perm Trias e Do What Thou Wilt mi hanno lasciato qualche sensazione che vada oltre quella di un semplice e sempre gradito headbanging .
Darkness: Devil: Death è un disco gradevole, per carità, ma francamente ho seri dubbi che possa entrare a far parte dei titoli che verranno ricordati alla fine di questo 2013 ed è un peccato, perché i Beissert sembrerebbero avere i numeri e l’esperienza necessaria per fare molto meglio di così.

Tracklist:
1. Thy Chthonic Cathedral
2. DarknessDevilDeath
3. Age ov Darkness
4. Zorn Der Geister
5. My Path Shall Be Your Wrath
6. Perm Trias
7. I Am the Lore
8. Do What Thou Wilt
9. DXXXV
10. De Profundis Clamavi
11. Die Diamantenen Tore Der Hoelle (Polaris)

Line-up:
Bldg – Guitars
Bssrt – Vocals
Sltr – Bass
Mhl – Drums
Wg – Guitars

BEISSERT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.