bankshot-holy bastards

bankshot-holy bastards

Condividi:
Share

Basta inserire il cd nel lettore e premere il pulsante play e dopo una decine di secondi avrete ben chiaro con quali tipi di suoni siano cresciuti i bankshot; e’ infatti nel punk americano degli eighties che vanno ricercate le loro principali fonti di ispirazione ( dead kennedys, circle jerks, germs).Ed e’ ancora in questa prestigiosa scuola che hanno appreso come si suona il punk-rock, pochi fronzoli e tanta energia, tecnica buona ma non eccelsa, registrazione sproca ma potente e soprattutto piu’ che ascoltabile.Poche bands in italia suonano cosi’ convincenti come i quattro estensi in questione e, purtroppo per loro si capisce ben presto che non sono novellini alle prime armi ma “vecchi leoni” con tanta esperienza ma soprattutto tanta attitudine. Difficile segnalare un pezzo che si stagli al di sopra degli altri in tanta generosa abbondanza , ma se mi e’ concesso , vorrei segnalarvi il mantra deadkennedysiano “kill your muse” pezzo che non sfigurerebbe nel repertorio delle migliori punkbands del mondo.Contattate i bankshot fate vostro il loro cd e, se vi e’ possibile invitateli a suonare dalle vostre parti , sicuramente verrete abbondantemente soddisfatti.

Condividi:
Share
Il Santo
calcagnoluca31@gmail.com

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.