iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Atrum Tempestas – Néant

Nel complesso, i tre brani che compongono il lavoro non sono affatto male ma ogni tanto affiora qualche passaggio a vuoto, sotto forma di fasi interlocutorie che vanno a spezzare la buona intensità prodotta dal duo quando decide di fare le cose in maniera più lineare.

Atrum Tempestas – Néant

Disco d’esordio per il duo finlandese Atrum Tempestas, attivo già da diversi anni ma approdato alla prima testimonianza discografica solo nel 2012, con l’Ep “Ne Deus Crede”.

Dai titoli in latino siamo passati al francese, con Néant, ma ciò che non cambia è il genere proposto da Kylmäaho e Perttunen (quest’ultimo noto per essere l’attuale vocalist dei Catamenia), ovvero un black metal piuttosto atmosferico, dalle sfumature talvolta vicine ad un post meta riconducibile ai primi Alcest (un’associazione indubbiamente indotta istintivamente anche dai titoli in francese, lo ammetto …)
Nel complesso, i tre brani che compongono il lavoro non sono affatto male, specie il primo e più lungo Quitter ceux qui étaient déjà partis, ma ogni tanto affiora qualche passaggio a vuoto sotto forma di fasi interlocutorie che vanno a spezzare la buona intensità prodotta dal duo quando decide di fare le cose in maniera più lineare. Buona anche la conclusiva Et après… le néant, mentre S’éclipser è più emblematica riguardo alla volontà di provare a battere strade alternative, senza riuscire sempre, però, a trovare lo sbocco ideale.
A mio parere il brano d’apertura dovrebbe costituire la base di partenza ideale dalla quale gli Atrum Tempestas dovrebbero muoversi con maggiore convinzione. Considerata la lunghezza del lavoro equivalente più o meno a quella di un Ep, a maggior ragione si può rimandare il duo finlandese alla prossima occasione su lunga distanza. Per ora bene ma non ancora sufficiente per distinguersi tra la massa.

Tracklist:
1. Quitter ceux qui étaient déjà partis
2. S’éclipser
3. Et après… le néant

Line-up:
Perttunen – Vocals, Drums, Bass
Kylmäaho – Vocals, Guitars

ATRUM TEMPESTAS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.