iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Atrocity Solution – Tomorrow S Too Late

Atrocity Solution - Tomorrow S Too Late: La band autodefinisce il proprio suono come ska-punk,ma che non vi venga in mente la solarità degli Operation ivy o il c...

Atrocity Solution – Tomorrow S Too Late

La band autodefinisce il proprio suono come ska-punk,ma che non vi venga in mente la solarità degli Operation ivy o il cazzeggiare dei Mighty Mighty Bosstones,perchè di tutto ciò troverete ben poche tracce.

Secondo il mio parere le similitudini sono piu’ con la disperazione degl i Amebix o con il nichilismo degli Exploited,neppure l’hard-core/ska dei Filaments regge il confronto questi Atrocity Solution sono duri come una mattina d’inverno nella steppa e i loro fugaci accenni alla musica giamaicana fanno da corollario a pezzi che ,a tratti, possono ricordare addirittura i Napalm Death!
Questo “Tomorrow’s too late” è la loro terza fatica,lo hanno preceduto un altro album e un ep,ed oltre al suo contenuto prettamente musicale contiene ottimi testi crudi,come del resto il sound che li accompagna, ma che aiutano a pensare e, perchè no,anche a incazzarsi un po’.
Molto interessanti inoltre i continui cambi d’atmosfera che caratterizzano le canzoni,si veda l’intro dub di “The scales of injustce” o l’intro e l’outro soft di “Requim” che fanno da estremità ad un suono non lontano dal crust.
Avete seguito il mio consiglio ed avete ascoltato il disco di Robin Grey,bene,è arrivato il momento di voltare pagina e di picchiare la testa contro il muro con gli Atrocity Solution!

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Piero Umiliani - O.S.T. Orgasmo 

Piero Umiliani – O.S.T. Orgasmo 

Piero Umiliani – O.S.T. Orgasmo questa pellicola è considerata uno dei vertici assoluti di quello che, con molta spocchia e approssimazione, è definito il cinema di genere italiano.