Atelier – State Of Grace

Atelier – State Of Grace

I siciliani Atelier, formazione composta da Fabio Moschedda, Antonio Randazzo, Andrea Bovelacci, Salvo Rizzuto e Luigi Lutri, debuttano sulla lunga distanza con State Of Grace, disco maturo e raffinato che, proponendo dieci inediti e una cover, si muove su sonorità jazz/soul/pop.

Il delicato pianoforte dell’iniziale State Of Grace, abbinato a un cantato soffuso e coinvolgente, galleggia leggero (crescendo lievemente nel finale) fino alle note dell’altrettanto pacata Sunday’s Night (ritornelli riusciti, morbidi paesaggi di organo e pianoforte) e alla leggera vivacità della sinuosa e calda Tattoo (molto piacevoli gli inserti di clarinetto). Love, più incentrata sulle melodie vocali, accarezza con la sua dolcezza, aprendo al lento e crepuscolare muoversi di Juliet (lievemente più vivace nella conclusione), mentre Last Corner, tra cantato più incisivo e un gradevole tappeto di pianoforte, chitarra acustica e impercettibili colpi di batteria, lascia che a proseguire sia il riflessivo abbracciare di Waiting And Dreaming. Rosa The Red, infine, con percussioni e atmosfere da sole al tramonto, cede spazio al sax di Ismael, alla riuscita (e asciutta) cover di A Whiter Shade Of Pale (Procol Harum) e al brioso chiudere di Emmy Loose.

Se pensate che battezzare il proprio disco d’esordio State Of Grace sia una cosa da arroganti, state certi che ad ascolto finito sarete costretti a cambiare idea. Il motivo è che gli undici brani degli Atelier, sempre impeccabili, orecchiabili e gustosi, vi accompagneranno senza mai lasciar spazio a possibili critiche o cattiverie. La formazione siciliana, avendo bene in mente cosa fare e come fare, centra in pieno il bersaglio.

Tracklist:
01. State Of Grace
02. Sunday’s Night
03. Tattoo
04. Love
05. Juliet
06. Last Corner
07. Waiting And Dreaming
08. Rosa The Red
09. Ismael
10. A Whiter Shade Of Pale
11. Emmy Loose

Line-up:
Fabio Moschedda
Antonio Randazzo
Andrea Bovelacci
Salvo Rizzuto
Luigi Lutri

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.