iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Arcturus – Arcturian

Gli Arcturus sono tornati tra noi per guidare saldamente il gruppo, certo non per pedalare di conserva nelle retrovie ...

Arcturus – Arcturian

Quando una band di culto si rifà viva dopo quasi un decennio di silenzio i dubbi ed i timori sulla genuinità dell’operazione aleggiano sempre sulle teste di appassionati ed addetti ai lavori.

Gli Arcturus, peraltro, si erano provvisoriamente congedati dal pubblico con un album come “Sideshow Symphonies” che non era stato all’altezza della loro fama, per cui c’era timore misto a curiosità a contrassegnare l’attesa per questo annunciato ritorno.
Beh, le note introduttive dell’opener The Arcturian Sign fugano in pochi secondi qualsiasi dubbio sulla ritrovata vena compositiva della band norvegese: Arcturian è semplicemente un disco splendido che, a tratti, va a ripescare l’ispirazione dei seminali “Constellation” ed “Aspera Hiems Symfonia”, nel senso che, piuttosto di indugiare in ghirigori avanguardistici, i nostri sfogano una rinnovata vena progressive e melodica che rende l’ascolto di ogni brano un’esperienza degna d’essere vissuta.
Alla voce c’è ancora ICS Vortex, che come di consueto contribuisce ad aumentare il carico evocativo del lavoro grazie al suo particolare timbro che, rispetto ad altre prestazioni, appare meno perfetto e algido privilegiando piuttosto l’intensità interpretativa.
Ora ci sarà qualcuno che probabilmente storcerà un po il naso di fronte alla presunta orecchiabilità di Arcturian rispetto a “The Masquerade Overture” e “The Sham Mirrors”, ma sarebbe il momento di uscire una volta per tutte dall’equivoco: non sempre suonare “strano” è sinonimo di qualità e se bandiamo l’uso della parola black accostata agli Arcturus la riuscita dell’operazione verrà ulteriormente agevolata.
Tralasciando qualche accelerazione (Angst, Pale) ed il passato dei musicisti coinvolti, la componente estrema appare esclusivamente funzionale ad irrobustire un sound ispirato ed originale che oggi si svela senza eccessive ritrosie in tutta la sua bellezza, anche quando le pulsioni avanguardistiche prendono il sopravvento senza mai apparire posticce.
Una serie di brani magnifici, nei quali dominano tastiere e chitarre di Sverd e Møllarn ed il drumming, come sempre superiore alla media, del tentacolare Hellhammer, vanno a comporre quello che si candida fin d’ora come uno dei migliori album dell’anno: l’orientaleggiante Crashland tocca picchi emotivi difficilmente eguagliabili e costituisce il vertice di un lavoro che forse ha il solo difetto di racchiudere nella sua parte iniziale i brani di spicco, nulla però che possa andarne a scalfire l’assoluta eccellenza.
Gli Arcturus sono tornati tra noi per guidare saldamente il gruppo, certo non per pedalare di conserva nelle retrovie …

Tracklist:
1. The Arcturian Sign
2. Crashland
3. Angst
4. Warp
5. Game Over
6. Demon
7. Pale
8. The Journey
9. Archer
10. Bane

Line-up:
Hellhammer – Drums
ICS Vortex – Vocals
Møllarn – Guitars, Tuba, Keyboards, Vocals
Skoll – Bass
Sverd – Guitars, Keyboards

ARCTURUS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.