iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ape Skull – Fly Camel Fly

Se siete amanti del classic rock, ma non andate oltre agli ascolti dei "soliti" classici, Fly Camel Fly è l'album che fa per voi.

Ape Skull – Fly Camel Fly

Nel mondo dell’hard rock underground non sono poche le band che, fermando il tempo, si rifanno alle sonorità di inizio anni ‘70, come se davvero gli ultimi quarant’anni di rock non fossero stati scritti.

Per molti è solo musica nostalgica, per altri un buon motivo per sentire ancora una volta il rock immortale dei grandi gruppi del passato, canzoni inedite che portano il marchio indelebile di un decennio che ha dato alla musica del diavolo, in termini di qualità, tantissimo.
Vintage è il termine usato di questi tempi per descrivere l’approccio al rock di gruppi come i nostrani Ape Skull, al secondo lavoro sotto Heavy Psych Sounds Records dopo l’omonimo debutto di due anni fa.
Pierpaolo Pastorelli (basso), Fulvio Cartacci (chitarra) e Giuliano Padroni (voce e batteria) sono i componenti di questo trio nostrano, impegnato a far scendere più di una lacrimuccia ai rocker ancorati agli anni d’oro dell’hard rock e dei grandi concerti di quegli anni, assembramenti di una generazione flower power, dall’impegno politico, dai grandi sogni infranti tra fiumi d’erba e voglia di libertà, quando ancora questa parola aveva un senso.
E allora lasciatevi ancora una volta trasportare da queste atmosfere ricche di pathos, splendidamente piazzate tra l’hard rock, la psichedelia e il rock blues, musica dura acida, interpretata alla grande dal trio che, se non lo avete ancora capito, suona il genere a meraviglia, tra sonorità purpleiane, riff di casa Hendrix e tanta voglia di rock classico, immerso nella tradizione che tanto ha influenzato i generi che oggi vanno per la maggiore(uno su tutti lo stoner).
Nove brani inediti, tra cui la cover di Driven dei The Damnation Of Adam Blessing (band statunitense attiva a cavallo tra i sessanta e i settanta e autrice di quattro album, nome che appare nelle influenze dichiarate dal gruppo romano), per un album d’altri tempi, che va consumato dalla prima all’ultima nota, fregandosene del tempo che inesorabilmente passa e conquistarsi una quarantina di minuti immersi nella storia del rock.
Se siete amanti del classic rock, ma non andate oltre agli ascolti dei “soliti” classici, Fly Camel Fly è l’album che fa per voi.

Tracklist:
1.My way
2.Early morning
3.Fly camel fly
4.Driver
5.Kids in the kitchen
6.Tree stomp
7.A is for ape
8.Heavy santa ana wind
9.Looking around

Line-up:
Giuliano Padroni – voce e batteria
Fulvio Cartacci – chitarra e voce
Pierpaolo Pastorelli – basso e voce

APE SKULL – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta