iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Antonello Giliberto – The Mansion Of Lost Souls

Disco consigliato agli appassionati di lavori strumentali ed è innamorato dei guitars heroes.

Antonello Giliberto – The Mansion Of Lost Souls

Antonello Giliberto è un giovane chitarrista siciliano che, dopo aver intrapreso corsi di studio prima sulla chitarra classica e, in seguito, indirizzandosi su generi più moderni, arriva all’esordio discografico autoprodotto con un lavoro strumentale di buon spessore.

Le coordinate stilistiche prese dal musicista siracusano portano ad un album dall’impronta neoclassica, fortemente debitrice nei confronti dell’axeman svedese Yngwie Malmsteen, laddove i brani hanno un sviluppo più metal oriented, ma non mancano comunque accenni alla musica mediterranea, specialmente nei momenti nei quali la tensione si placa e Giliberto ci regala emozionanti minuti di arpeggi acustici.
Ed è in questi momenti che l’album ha davvero una marcia in più, con Sorrow, per esempio, primo brano acustico dove ci si ritrova a guardare l’orizzonte da un molo di qualche stupendo paesino della sua splendida terra, per un brano dal forte impatto folk.
Dream of the Dead Tree, più classicheggiante rispetto alla prima, è molto intimista ma bellissima, ed è il secondo e ultimo brano dove l’artista si diletta con strumenti acustici; nel resto del lavoro regna padrona l’elettricità, con song derivative ed altre, invece, come Lotus Effect, dal sapore orientale che si discosta dal trademark dell’album.
Il musicista siciliano è bravissimo con lo strumento, dotato di tecnica e velocità di esecuzione straordinaria, riesce a donare ai brani, specialmente nella title-track, Rise of the Titans e nella variegata The Ride quel tocco di emozionalità che in troppi dischi del genere spesso viene a mancare.
Disco consigliato agli appassionati di lavori strumentali ed è innamorato dei guitars heroes.

Tracklist:
1. Equinox
2. Lotus Effect
3. The Mansion of Lost Souls
4. Sorrow
5. Flight of the Sleeper
6. Entr’act
7. The Power of the Whip
8. Dream of the Dead Tree
9. Rise of the Titans
10. Ballade No. 3
11. The Ride
12. Commiato

Line-up:
Antonello Giliberto – chitarra, basso e programmazione batteria

ANTONELLO GILIBERTO – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta