Antea – Trepverter

Antea – Trepverter

Dischi come questo richiedono ascolti molteplici e approfonditi, per poter assaporare meglio e capire, quasi dovessero essere lasciati decantare, come un vino possente, o come certe frasi da comprendere in diverse fasi lunari.

Trepverter è il termine yiddish per indicare una particolare frase usata per controbattere ad una provocazione, ma arrivata ormai fuori tempo massimo e quindi inutilizzabile. A parte la perfezione della lingua yiddish, qui abbiamo un disco di grande valore.

Il lavoro è, per ammissione degli stessi Antea, se non un concept album, comunque un disco con sette pezzi che sono molto vicini fra loro per intenti.
Gli Antea sono insieme dal 2001, ma solo dal 2008 iniziano a scrivere musica con convinzione, e da allora hanno fatto molti concerti prima di approdare a Trepverter, loro disco d’esordio.
La loro musica è un post metal con molte sfumature e vari indirizzi. Se dovessi cercare un paragone per farvi capire cosa intendo, direi tra Isis, Neurosis ed Intronaut, con qualcosa in più di un mero incrocio a sette note.
Il tutto è progressive, nel senso che va sempre avanti alla ricerca di qualcosa senza mai fermarsi, ma vi è anche una forte impronta grunge.
Nell’impasto del post metal il grunge è forse la parte più essenziale, essendo un ingrediente che permea molte cose. Certi stacchi di questo disco, certe melodie, certe atmosfere ne vengono da lì.
Trepverter è un disco molto alto e robusto, forte e dolce al tempo stesso, che ci fa conoscere un gruppo che ha molti talenti ma anche tanti e tanti giusti ascolti alle spalle e davanti.
Pezzi come Shift o la terminale Arkys sono cose davvero rare e fantastiche da sentire, ma tutto il disco è un gioiello di varietà di stili e registri.
Il punto fermo è il viaggio, il lasciarsi cullare da una musica che arriva sia dal basso che dall’alto. Certamente gli Antea hanno dei punti fermi e forti influenze, ma riescono a rielaborare il tutto in una cosa diversa e molto allettante.
Dischi come questo richiedono ascolti molteplici e approfonditi, per poter assaporare meglio e capire, quasi dovessero essere lasciati decantare, come un vino possente, o come certe frasi da comprendere in diverse fasi lunari.
E a differenza della sua etimologia yiddish, Trepverter non è assolutamente fuori tempo, ma percorrerà molte strade insieme a noi.

Tracklist:
1. Tiberian
2. No One’s Coming
3. Laon
4. Down There
5. Room 13
6. Shift
7. Arkys

Line-up
Francesco Calzona – Chitarra
Davide ‘Pink’ Colombino – Voce, Synth
Davide Bellotti – Batteria
Luca Serra – Basso, Elettronica live

ANTEA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.