Ancestral Legacy – Terminal

Perdetevi un'ora del vostro tempo, mettetevi comodi e fatevi trasportare da questa splendida opera oscura.

Ancestral Legacy – Terminal

Certo è che su al nord, quando decidono di scrivere grandi album, specialmente per quanto riguarda le atmosfere gothic, non c’è pericolo che ne esca fuori un album non dico brutto ma appena sufficiente.

Prendete ad esempio questi Ancestral Legacy, formatisi quasi una ventina di anni fa, con una marea di demo all’attivo e solo due full-length finora licenziati, pochini considerando la giĂ  lunga attivitĂ , ma comunque di buona qualitĂ .
Partito come band symphonic black metal, il combo norvegese si è trasformato in qualcosa di diverso e molto piĂą affascinante; il nuovo album Terminal porta in dote un songwriting mai così ispirato, un’opera completa sotto tutti i punti di vista, dalla produzione cristallina da top band ad un’ispirazione in fase di esecuzione dei brani notevole.
Dodici canzoni per oltre un’ora di musica che non dĂ  tregua, grazie ad un symphonic gothic adulto pregno di passaggi prog oscuro e decadente, squarciato da rasoiate death, malinconico ed emozionale, insomma quanto di meglio il fan può chiedere ad un disco del genere.
La voce femminile (bellissima) di Isadora Cortina duella su un tappeto di musica gothic con il growl del chitarrista Eddie Risdal, sempre ben presente su tutto l’album rendendo il tutto molto duro, un po’ come gli album di una ventina di anni fa, ed infatti i richiami ad altre band sono fuori dalle solite cerchie delle ultime produzioni.
Terminal gira intorno alla musica dei primi e magnifici Opeth e Katatonia, il lavoro sulle chitarre (oltre a Risdal la solista di Jon Rune Førland) richiama i primi lavori dei Paradise Lost, le tastiere suonate dalla vocalist emanano echi dei The Gathering di “Mandylion”, sempre mantenendo una drammaticitĂ  di fondo ed un velo di soffocante dark metal che rapisce l’ascoltatore.
Vi innamorerete di questo lavoro, ma con il tempo, dandogli la possibilitĂ  di entrarvi in circolo, : qui non ci sono passaggi “facili”, come d’altronde non erano album facili capolavori come “Orchid” o “Morningrise” (Opeth), “Shades of God” (Paradise Lost) e “Brave Murder Day” (Katatonia), ma lo stato di grazia di questa band vi conquisterĂ .
Prendetevi un’ora del vostro tempo, mettetevi comodi e fatevi trasportare da questa splendida opera oscura, non ve ne pentirete.

Tracklist:
1. Bone Code
2. Lethe part 1
3. There is no Birth and Death
4. My Wretched Lord
5. Lethe part 2
6. Dawn of Time
7. Lethe part 3
8. Transient Pale Days
9. Oregon Trail
10. Death, Silence Without Pain
11. Shedding You
12. Terminal

Line-up:
Isadora Cortina – Vocals, Keyboards
Eddie Risdal – Guitars, Vocals
Jon Rune Førland – Lead Guitar
Jarl Ivar Brynhildsvoll – Bass
Christopher Midtsvéen Vigre – Drums

ANCESTRAL LEGACY – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacitĂ  compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese PigmĂ© Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: