iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Ancestors Blood – Hyperborea

Un bellissimo album da godersi nel suo insieme, un affresco magniloquente e solenne espressione di una cultura musicale nordica che continua ad affascinare.

Ancestors Blood – Hyperborea

Chi è in spasmodica attesa del nuovo album dei Moonsorrow può, intanto, parzialmente saziarsi con questo succulento antipasto di black epico e sinfonico offerto dai finlandesi Ancestors Blood, al loro terzo full-length proposto nel corso di una carriera ultracedennale.

L’accostamento ai più noti connazionali deriva essenzialmente dall’approccio che fa dell’emotività, inserita in un mood solenne, il proprio modus operandi, anche se la band proveniente da Laitila si fa maggiormente attrarre da pulsioni heavy metal che trovano il loro sfogo in frequenti ed azzeccati assoli di chitarra, mentre la componente folk viene tutto sommato accantonata.
Infatti, le tastiere forniscono un alone sinfonico che enfatizza il tutto senza renderlo affatto plastificato: in tal modo l’album scorre via intenso ma fruibile, rivelandosi una delle migliori interpretazioni possibili del genere, tutto sommato non assimilabile al black bombastico di scuola Dimmu Borgir ma, semmai, accostabile in certi passaggi agli Arcturus epoca Aspera Hyems Symfonia (anche per le fondamentali incursioni di chitarra solista, benché nei seminali norvegesi tale aspetto attingesse maggiormente al progressive).
Gli oltre 50 minuti di Hyperborea non presentano cedimenti, anche nella sua seconda parte quando i suoni si fanno via via più oscuri: gli Ancestors Blood sono bravi nel diversificare il sound, passando da brani magnifici nel loro trasudare sentori epici e melodici come The Way Of Spirits, Autumn ed Elegies, ad altri più aspri e per certi versi aderenti agli stilemi del black più tradizionale, come avviene in Rite of Passage e Funeral Rite.
Ma, oggettivamente, questo bellissimo album è da godersi nel suo insieme quale affresco magniloquente e solenne, espressione di una cultura musicale nordica che continua ad affascinare, nonostante sia approdata ormai da oltre un ventennio nei nostri lettori cd.

Tracklist
1. Descension
2. The Way of the Spirits
3. Autumn (Metsäpirtti part II)
4. Elegies
5. Hyperborea
6. Rite of Passage
7. Funeral Rite
8. Ascension

Line-up:
A.T.H. – Vocals, Guitars
E. Heinonen – Keyboards
K.S. – Drums
A.L.H. – Bass

ANCESTORS BLOOD – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.