Anal Fissure – Mind Of A Serial Killer

Anal Fissure – Mind Of A Serial Killer

L’Asia è molto attiva e ricettiva in ambito metallico, sopratutto quello estremo e questa volta, si parla di una realtà nata nelle Filippine nel 2007 e molto attiva nella scena locale, gli Anal Fissure.

Licenziato dalla Brute Production, Mind Of A Serial Killer è un onesto lavoro brutal, senza grossi picchi, ma ben saldo nella tradizione del genere.
I brani si susseguono veloci e devastanti come vuole il genere, il growl esce malato e animalesco come da copione, ed il tutto risulta sufficiente per piacere ai fans più oltranzisti del metal estremo.
Buone soluzioni ritmiche, a tratti variano questo assalto sonoro senza soluzione di continuità, in un’orgia di torture e squartamenti su cui la band di Cavite ci sguazza.
Non siamo al cospetto di un album fondamentale, ma il quartetto non molla la presa sui testicoli dell’ascoltatore, travolto dall’impatto del sound, anche se i brani, risultano uguali gli uni agli altri, difetto che riesce a rendere lunga la mezzora di durata del disco.
Siamo su territori cari a Dying Fetus, Devourment e Suffocation, tanto per dare una dritta ai lettori, anche se la strada per la band è ancora molto lunga per arrivare ai livelli qualitativi dei suddetti gruppi.

TRACKLIST
1. Sodomy Fundamentals
2. Swarming Vile
3. Crack Epidemic
4. Gorging on Rotten Flesh
5. Brute Crusade
6. Gluttonous Scavenger
7. Induced from Abnormality
8. Deviant Disembodiment
9. Multiple Murder
10. Rectal Bludgeoning

LINE-UP
Kleif – Bass
Mike – Drums
Reynald – Guitars
Untz – Vocals

ANAL FISSURE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.