Amycanbe – Wolf

Amycanbe – Wolf

Un album sostanzioso e assolutamente curato sotto tutti i punti di vista

Passati quattro anni da “Mountain Whales”, i romagnoli Amycanbe (attualmente Francesca Amati, Mattia Mercuriali, Marco Trinchillo, Mattia Dallara), ritornano con gli undici brani del maturo e coinvolgente Wolf. Il nuovo disco, ripartendo da dove finiva il precedente, mette da parte le balene, mostrandoci tutta la bellezza e il fascino elegante del lupo (che, per come è scritto in copertina, lo si può intendere anche come flow, flusso).

La leggera morbidezza, carica di serenità e senso di pace di Grano, accompagnata da un finale caldo e avvolgente (merito delle chitarre), apre alle tastiere pacate dell’affascinante I Pay e all’ariosa energia della tormentata Wherefrom.
La ricerca della serenità raccontata in Fighting, emozionando nel suo crescere in vigore e intensità, lascia che a seguire sia il delicato incedere ritmico di 5 Is The Number, mentre lo spirito più selvaggio e venato di oscurità della lenta e incombente Wolves (sul finale si fa spazio la luce), cede spazio ai turbamenti dell’altrettanto inquieta White Slide.
La delicatezza di Bring Back The Grace, invece, ritornando su atmosfere sognanti e venate di fragilità, introduce la voglia di “farsi le ossa” e diventare più forti e coraggiosi di Febbraio.
Queens, infine, prendendo vigore e scoprendosi determinata, si lascia guidare dai colpi di batteria, cedendo alla strumentale Orata il compito di chiudere (attraverso coinvolgenti e raffinati paesaggi sonori).

Il nuovo lavoro degli Amycanbe, giocato sempre sulla riuscita combinazione di pop ed elettronica, si pianterà nelle vostre teste in men che non si dica. Le atmosfere create, infatti, sempre morbide e composte, rivelano, brano dopo brano, svariate sfumature, evitando il rischio di apparire ripetitive, mentre testi, titolo e immagini, dando vita a un immaginario ben strutturato e corposo, non possono che affascinare. Un album sostanzioso e assolutamente curato sotto tutti i punti di vista. “Mountain Whales” era già ottimo, questo Wolf, però, quasi riesce a superarlo. Complimenti.

Tracklist:
01. Grano
02. I Pay
03. Wherefrom
04. Fighting
05. 5 Is The Number
06. Wolves
07. White Slide
08. Bring Back The Grace
09. Febbraio
10. Queens
11. Orata

Line-up:
Francesca Amati
Mattia Mercuriali
Marco Trinchillo
Mattia Dallara

AMYCAMBE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo