Alltheniko – Fast And Glorious

Alltheniko – Fast And Glorious

Tornano i piemontesi Alltheniko con ed il loro heavy/speed metal ed un nuovo album del tutto convincente.

Tornano con il quinto album in studio i piemontesi Alltheniko, con il loro heavy/speed metal classico dall’ispirazione ottantiana e, a tratti, con un piede nel thrash ad indurire ancor più le trame di un sound prorompente.

Nata agli albori del nuovo millennio, la band nostrana ha tenuto botta con una serie di lavori intervallati da uscite minori (demo) sempre coerenti con la linea intrapresa, pregni di sana attitudine heavy, insomma, una garanzia per gli amanti delle sonorità classiche ma energiche.
Anche il nuovo Fast And Glorious si dimostra una tranvata niente male, migliorando di molto il lavoro di produzione che, nei precedenti lavori, era il classico pelo nell’uovo, difetto che in questo album non viene riscontrato aumentando il valore del prodotto.
Il trio questa volta spacca che è un piacere, tra squarci di heavy metal ottantiano, speed/power teutonico, con grinta e anthem metallici di indubbio valore: le canzoni non hanno cedimenti, nove rasoiate di puro acciaio, battagliere, tra ritmiche forsennate e solos melodici di ottima fattura, con i musicisti della band in stato di grazia ed un songwriting dall’impatto devastante.
Luke The Idol e Dave Nightfight formano una sezione ritmica spaccaossa e Joe Boneshaker dà spettacolo con riff e solos di scuola heavy/power da infarto: inoltre appare migliorato in modo esponenziale il cantato del bassista, qui a rifilare acuti che sono rasoiate nell’ambito di una prova aggressiva e convincente in tutto l’album.
Tra le songs di questo notevole Fast And Glorious segnalo le rabbiose Tank Of Death, Kaiser Steel, la guerresca ed epica Holy War Holy Fighters, la cadenzata e metallica Power To Rebel e la cover del sempre verde classico dei Saxon Power And Glory, ad impreziosire ancora di più un lavoro davvero ben fatto ed apice della discografia della band.
Per i true metallers il nuovo Alltheniko risulta così un acquisto obbligato.

Tracklist:
1. Tank Of Death
2. Fast And Glorious
3. KaiserSteel
4. Holy War, Holy Fighters
5. Scream For Exciter
6. Spirit Of War
7. Power To Rebel
8. The Arenas God
9. Power And The Glory I.U.W.S. (Bonus Track Cover Saxon)

Line-up:
Dave Nigtfight – Bass & Vocals
Joe Boneshaker – Guitars
Luke The Idol – Drums

ALLTHENIKO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.