iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Algoma – Reclaimed By The Forest

Il disco degli AlgomA possiede tutti pregi (molti) ed i difetti (pochi) dello sludge metal: pesante, ossessivo, asfissiante, quindi una goduria per chi lo ama ed un’autentica iattura per chi non lo apprezza in toto.

Algoma – Reclaimed By The Forest

Dalle foreste dell’Ontario ecco arrivare questo trio di spaccalegna dedito ad uno sludge-doom monolitico quanto estremo.

Questo Reclaimed By The Forest dovrebbe essere l’album di debutto per gli AlgomA ma, a giudicare dalle poche foto disponibili in rete, i tre musicisti canadesi non paiono essere proprio degli imberbi ragazzini, per cui se ne deduce che abbiamo già maturato una certa esperienza in passato.
Il disco in oggetto possiede tutti pregi (molti) ed i difetti (pochi) del genere: pesante, ossessivo, asfissiante, quindi una goduria per chi lo ama ed un’autentica iattura per chi non lo apprezza in toto.
Appartenendo alla prima delle due categorie, pur non essendo lo sludge la ramificazione del doom che più gradisco in assoluto, il lavoro degli AlgomA mi ha piacevolmente impressionato, proprio per la loro totale noncuranza nello spiattellarci in faccia una quarantina di minuti davvero impietosi, privi come sono di ogni parvenza melodica, scarnificati da prove vocali sovente dai tratti disperati, ma per una volta comprensibili permettendo, quindi, a chi ascolta, di essere ancor più annichilito dal mood depressivo dei testi che aumenta ulteriormente il senso di oppressione che pervade l’intera opera.
Dovrei raccontarvi dei brani a questo punto, ma cosa posso dire se non che sono tutti, nessuno escluso, autentiche prova di resistenza uditiva, con riff capaci di sfondare le casse dello stereo, un batterista che probabilmente fa altrettanto con i propri tamburi, tanto picchia forte, e due urlatori che si alternano alla voce facendo a gara nel chi risulta più sgraziato e nel contempo disturbante.
Insomma, tutto quello che serve perché Reclaimed By The Forest risulti un gran bel disco …

Tracklist:
1.Bedsores
2.Fell Down A Well
3.Reclaimed by the Forest
4.Tertiary Syphilis
5.Go On, Git!
6.Extinct Volcanoes

Line-up:
Kevin Campbell – Bass, Vocals
Darby Wiigwaas – Guitar, Vocals
JV – Drums

ALGOMA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.