iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : AA.VV – TODO MUERE SBXV (Sacred Bones)

TODO MUERE SBXV (Sacred Bones): Secondo le liner notes di “Todo Muere SBXV”, il momento più esplicativo della compilation è la cover di “Boys at School” degli SPELLING da parte degli Institute, un “azzardo estetico"...

AA.VV – TODO MUERE SBXV (Sacred Bones)

Secondo le liner notes di “Todo Muere SBXV”, il momento più esplicativo della compilation è la cover di “Boys at School” degli SPELLING da parte degli Institute, un “azzardo estetico”, che in casa Sacred Bones, in effetti, non è una novità.

A pensarci bene, l’etichetta newyorchese ha sempre seguito un preciso immaginario estetico, cupo e minimale, affidando alla musica il compito di spaziare tra i generi più disparati: industrial, post-punk e synth-pop, certo, ma anche psichedelia, metal, noise-rock, garage-punk, John Carpenter, Mort Garson e l’ultima colonna sonora di “The Northman” di Robert Eggers, realizzata da Robin Carolan e Sebastian Gainsborough, fino alle jam proto-techno dei Follakzöid e Domingæ.

Un patrimonio musicale vasto e variegato, che Sacred Bones ha saputo valorizzare nei suoi quindici anni di vita, festeggiati con il sesto volume della serie di compilation “Todo Muere”, invitando gli artisti a realizzare delle cover di altri artisti presenti nel roaster dell’etichetta. Doppia celebrazione che si apre con gli SQÜRL trasfigurati dai Boris nell’heavy-blues di Funnel Of Love, tocca la mini-hit di Genesis P-Orridge (Godstar) passata al setaccio synth-pop di Anika, che a sua volta viene coverizzata in una Changeriletta in chiave elettronica da parte di Domingæ.

David Lynch e Zola Jesus gli artisti più omaggiati: il primo da Marissa Nadler in Cold Wind Blowin’e da Hilary Woods in In Heaven, mentre la seconda dai The Hunt in I Can’t Stand, che però non regge il confronto con l’originale, e in Nightda parte di Thou, Mizmor e Emma Ruth Rundle per una cavalcata metal con tanto di growl, screamo e doppia cassa.

Nel complesso, l’immaginario fatalista e scarno viene rispettato e per i fan più accaniti di Sacred Bones il giochino di incastri delle cover e dei musicisti può risultare davvero divertente.

AA.VV – TODO MUERE SBXV (Sacred Bones)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liz Lamere – Keep It Alive

L’esordio di Liz Lamere non è un primo disco qualunque: la signora in questione ha lavorato per più di trent’anni al fianco del marito, Alan Vega.

Ashinoa – L’Orée

Attivi dal 2015, gli Ashinoa di Lione sono giunti al secondo disco e all’esordio per la londinese Fuzz Club, che da sempre dimostra una fascinazione per sonorità affini a quelle della band, basti pensare ad artisti come 10 000 Russos, One Unique Signal, Juju, Electric Eye e altri.

Gnod – Hexen Valley

Difficile stare al passo con la discografia degli Gnod, all’inizio di aprile in prima linea con un nuovo capitolo, “Hexen Valley”.